Bacheca domande e messaggi

Greta & Meteo

mercoledì 5 giugno 2019

Mi pareva scontato, ovviamente l'associazione Greta = maltempo è assolutamente ironica: per una curiosa coincidenza, dalla sua visita in Italia di è verificato un periodo di tempo avverso ; inevitabile che soprattutto su Facebook si proliferassero in modo virale un numero incredibile di meme sarcastiche sulla figura della ragazza svedese che naturalmente , ci mancherebbe altro, ha l'indubbio merito di sensibilizzare sulle possibili conseguenze planetarie dei mutamenti climatici. Mi premeva altresì sottolineare come il CAI di Carpi, abbia salvato la gara programmata in modo più che soddisfacente , ricordo a tal proposito che l'organizzazione di un trail comporta obbligatoriamente la certificazione di un piano operativo di sicurezza comprensivo di percorso alternativo in caso sopraggiungano condizioni metereologiche o altre,che compromettano la sicurezza del tracciato originale. Francesco Montanari

calendario prossime gare

martedì 4 giugno 2019

Non si trovano programmi e volantini su due manifestazioni, in genere programmate in questo periodo, alle quali mi sono particolarmente affezionato, mi riferisco alla "S.Polo-Canossa" ed alla "Scandiano-Castellarano". Non ci saranno più? Qualcuno, probabilmente del team Manelli, può ragguagliarci?, grazie e cordiali saluti a tutti i podisti GIUSEPPE CUOGHI

S.Polo Canossa non si fa più. Scandiano Castellarano è in calendario normalmente Paolo Manelli

Reclamo epr disinformazione

lunedì 3 giugno 2019

Ciao
anche io avevo avuto la stessa sensazione leggendo l'articolo la prima volta e mi ero detto che il titolo era un po' fuori luogo, allo stesso tempo lo si può leggere in maniera ironica come riporta Mac.
Segnalo che durante le corse capita troppo spesso che nei cestini della raccolta carta vi siano bicchieri di plastica e viceversa, proviamo ad impegnarci di più in questo, è un invito che faccio agli organizzatori ma anche e soprattutto a noi podisti. Ciao paolo Paolo ARTINI

Colgo il suggerimento, ed aggiungo che troppo spesso chi va al ristoro beve, butta il bicchiere e ne prende un altro o altri due.. così il numero dei bicchieri di plastica aumenta a dismisura. Anche noi possiamo fare qualcosa di positivo, con una piccola attenzione. Un'altra cosa che si può fare è usare bicchieri di carta e non di plastica. ma.. costano parecchio di più… con 2 euro di iscrizione... Mac

Reclamo epr disinformazione

domenica 2 giugno 2019

innanzitutto voglio fare i complimenti alla vostra associazione, nel nostro "piccolo" di Reggio e Modena offrite un servizio secondo me eccezionale. Purtroppo sono qui a scrivervi per un reclamo (è la prima volta in vita mia, sono per il vivi e lascia vivere). L'articolo sulla Marcia dei Tori, che ho letto ed apprezzato, si trova ad avere un titolo che trovo fortemente disinformativo: "Greta T. non ferma la Marcia".
Questo titolo associa la figura di Greta con i cambiamenti climatici negativi, come se fossero "causati" da lei, mentre invece col suo movimento si è attivata per contrastarli. Credo ci sia stato un errore di interpretazione di fondo, che purtroppo rischia di diffondere in una comunitá seppur limitata numericamente come quella di noi runners del reggiano un'idea profondamente sbagliata. Chiedo per favore di correggere il riferimento a Greta, perchè se dovesse passare il messaggio che chi difende l'ambiente è il male saremmo davvero fregati. Grazie per l'attenzione e continuate cosí. Alessandro Truzzi

Ciao Alessandro. Grazie degli apprezzamenti. Del titolo di Francesco io do una diversa interpretazione. Sono sicuro che nessuno può pensare che Greta sia la causa dei cambiamenti climatici, e vedo che niente del genere è contenuto nell’articolo. Indipendentemente dalla valutazione che ciascuno di noi può avere sul fenomeno mediatico di Greta, che solleva un problema che personalmente mi ha colpito sin da quando 50 anni fa facevo le medie e mi iscrissi al primo gruppo ecologico di Modena, capitanato dal prof. Gladio Gemma, il titolo vuole solo fare un po’ di ironia e sdrammatizzare questo maggio anomalo, che ha abbattuto tante manifestazioni. Se lo leggi così, vedi che non si tratta di disinformazione ma di ironia. Metto però volentieri il tuo appunto in bacheca, in modo da sentire anche i pareri degli altri lettori. Mac

Risposta a Nerino Carri.

sabato 1 giugno 2019

Nulla contro a quanto descritto , per i tempi addietro. Le cose sono cambiate e lo dice la circolare del Ministero degli Interni del 28 luglio 2017 con aggiunta e variante del 18 luglio 2018 cosa che prima non esisteva. Così come lo dice la nuova normativa sulle ADS , che andrà in vigore dal prossimo anno , perchè procrastinata. Quindi tutto vero sui percorsi, sulla competitiva e non, ma adesso lo scenario è cambiato . L'organizzazione ora deve stare attento alle decisioni, poi se tutto è stato messo in atto e le attività si svolgono secondo il "PIANO VALUTAZIONE RISCHI" (che prima non si faceva, non si presentava e che deve essere firmato) va tutto bene altrimenti bisogna risponderne del perchè non ci si è attenuti alle NORMATIVE. E' facile dire alternativa se ce l'hai e se ci hai pensato la puoi mettere in atto , altrimenti annulli e nessuno ti può additare in maniera negativa secondo me. Faccio un esempio: La "Classica della Madonnina " a giusta ragione veniva disputata nella giusta sede della "MADONNINA" . Dando atto alle normative non è possibile per ragioni di sicurezza (da circolari da attuare) BLINDARE un intero quartiere..( e non dico nemmeno il personale specializzato da mettere in attoa) ed allora l'alternativa è stata PONTE ALTO. Quando non sarà possibile più nemmeno quella scelta allora ci si penserà, ma ora alternative non ce ne sono al poter attuare la manifestazione nel quartiere. Troppe attività concomitanti e di difficile controllo - da circolare - per l'attuazione della competitiva. Stesso discorso vale per le manifestazioni che si sono viste inondate dall'acqua la maggior parte del contesto della manifestazione, allora tanto vale - a giusta ragione - rinviare. Allo stesso modo vedo che oggi 01 giu - penso - che la PREFETTURA sia intervenuta nel dire no alla corsa della CRI per ovvie ragioni di ordine pubblico. Quindi ecco il cambiato contesto a cui mi riferisco a cui tutti oggi devono confrontarsi. Vito De Cicco

Risposta a Vito De Cicco su annullamento delle cor

venerdì 31 maggio 2019

Salve
vorrei rispondere al signor Vito De Cicco che mi sembra che dica che oggi è cambiato lo scenario per incolpare una persona.
Vorrei ricordare che è lo scenario per incolpare una persona non è mai cambiato da quando si fanno camminate in Italia e mi spiego meglio. Il sottoscritto organizza camminate competitive e non competitive dal 1983 e già allora le responsabilità di chi organizza erano come adesso. Le responsabilità giuridiche valevano sia per la zona ritrovo, partenza e arrivo che sui percorsi e anche per quanto riguarda le condizioni meteo in cui si facevano camminare o correre i podisti e le porto alcuni esempi:
1) in una camminata del Crostolo di tanti anni fa da me organizzata una podista modenese venne investita da un auto che non aveva rispettato la precedenza, per fortuna che nessuno denunciò l’incidente se no io come organizzatore siccome era una gara competitiva sarei stato chiamato a rispondere
2) in una 100 km dei 10 Castelli da Salsomaggiore Terme a Cavriago (fra il 1980 e il 1990), un concorrente venne investito da un auto fra Traversetolo e San Polo d’Enza, l’assicurazione risarcì il podista che era rimasto offeso ma si rivalse sugli organizzatori della podistica Cavriago dicendo che siccome la gara era competitiva, dietro a ogni runner ci doveva essere un automezzo con luci accese, per proteggerlo (l’incidente era avvenuto di notte). La podistica Cavriago pagò la multa dell’assicurazione, arrangiandosi come poteva.
3) In una camminata Matildica con partenza e arrivo a Montecavolo un podista venne investito da un’auto e si ruppe tibia e perone. L’assicurazione risarcì il podista, ma il podista non contento voleva di più e denunciò gli organizzatori, che si recarono in tribunale più volte (non so come si risolse l’accaduto). Il podista era non competitivo ma siccome nella camminata c’era anche una competitiva e quindi il traffico doveva essere chiuso (quindi quell’auto non doveva trovarsi sul tracciato), furono quelli probabilmente i motivi per cui gli organizzatori furono chiamati in tribunale.
Tutto quello scritto sopra per descrivere le responsabilità degli organizzatori quando si organizzano camminate e vorrei ricordare alcune cose che sia i podisti, che alcuni organizzatori fanno finta di non sapere: 1) nelle camminate non competitive il traffico non è chiuso e quindi i podisti devono rispettare le norme sul codice della strada per quanto riguarda i pedoni, chi organizza glielo deve ricordare e fare rispettare 2) il percorso di una gara competitiva deve essere chiuso al traffico.
Tutto quando descritto sopra per descrivere le responsabilità degli organizzatori per quanto riguarda la sicurezza sul percorso.
Per quanto riguarda la sicurezza di far disputare le camminate in qualsiasi condizioni meteo qui diventa a scelta dell’organizzazione, ma sicuramente non nell’annullare un evento podistico per le previsioni meteorologiche e mi spiego meglio. Circa 3 anni fa la Vezzano – Canossa non si disputò perché 10 minuti prima della partenza ci fu un violento temporale con tuoni e fulmini che potevano pregiudicare la sicurezza degli atleti in gare e l’organizzatore giustamente decise di annullarla ma prima di partire. Tanti anni fa mi recai a Cavezzo, circa a km 50 da dove abito e i responsabili del coordinamento modenese (ora ottuagenari come dice il Mac) decisero di annullare la camminata per presenza di zone ghiacciate sul percorso ed io me ne tornai a casa senza protestare perché mi sembrava giusto il motivo dell’annullamento per la sicurezza dei podisti, nonostante che avessi fatto tanti chilometri.
Per quanto riguarda l’annullamento per allagamento o condizioni di non sicurezza sul percorso (fango, ecc,), gli organizzatori dovrebbero sempre avere un tracciato alternativo in cui si possa svolgere l’evento podistico, eventualmente spostando anche la zona di ritrovo, partenza e arrivo se quel luogo non è sicuro.
Quindi concludendo se un organizzatore dovesse guardare a tutti i rischi che corre ( anche nella zona di ritrovo, partenza e arrivo), non dovrebbe organizzare camminate. Il sottoscritto in tutte le organizzazioni ha sempre chiesto a Dio che tutto andasse bene.
Quindi una volta, come attualmente l’organizzatore ne risponde di persona sulla sicurezza e anche altre cose dell’evento podistico e bisogna solo sperare che vada tutto bene, La mentalità dei podisti e delle assicurazioni come negli episodi descritti sopra non è cambiata da tanti anni fa, ad adesso.
Con quanto descritto sopra voglio solo affermare che gli organizzatori anche di non competitive, rischiano sia quanto c’è il sole che quando piove molto forte, però non metto in dubbio che chi organizza se non se la sente di rischiare è meglio che annulli la camminata
Nerino Carri
Nerino Carri

Marcia dei Tori

martedì 28 maggio 2019

Vorremmo ringraziare il gruppo CAI di Carpi per l'ottimo lavoro svolto nell'organizzazione della "Marcia dei Tori" che si è svolta domenica scorsa a Capanno Tassoni. Già organizzare una corsa in montagna immaginiamo non sia semplice. Se poi le condizioni meteo sono avverse tutto si complica. E garantire la sicurezza di tutti pensiamo sia la priorità.
E vero, hanno dovuto accorciare il percorso lungo ma alla fine il tracciato era veramente bello e impegnativo.
Certo, non abbiamo raggiunto lo Spigolino ma sarà per l'anno prossimo...tanto rimane sempre lì.

Daniele, Nicoletta, Roberto, Rossano e Valeria del G.S. Madonnina Podismo - trail Daniele Rovatti

Risposta su articolo annullamento corse di MAC

martedì 28 maggio 2019

Vorrei ricordare a Mac che è cambiato lo scenario per incolpare una persona. Quando si faceva e si preparava una manifestazione le organizzazioni non ti dicevano .."la responsabilità è la tua..." adesso ti dicono " i problemi sono tuoi" e sono cambiati anche gli scenari perchè ne rispondi di persona "CHI ORGANIZZA" . Va da sè che gli organizzatori mettano in primo piano la "SICUREZZA" di tutti , sia dell'organizzazione che dei partecipanti. Una volta uno aveva qualche problema e ci si passava sopra ora se ha un problema la prima cosa ti chiedono i danni.... allora lo scenario è cambiato? ..la mentalità anche del runner è cambiata? - secondo me sì. Allora io mi chiedo se non è una gara competitiva perchè "rischiare?" meglio fare le cose con più "SICUREZZA" . Quindi è giusto annullare la manifestazione. Chi vorrà correre lo farà per se stesso. Vito De Cicco

Certo Vito. SO bene, e concordo. Ma indipendentemente dai motivi, il risultato è questo. Mac

Verdelaghi annullata

giovedì 16 maggio 2019

Campogalliano 16/05/2019

A causa dell’alluvione di questi giorni, gran parte del percorso della Verdelaghi è compromesso ed impraticabile. Purtoppo le acque del secchia hanno allagato la parte del lungo argine e i laghi, usciti dal loro bacino, hanno ricoperto le ciclabili e i percorsi pedonali. Non ci saremmo mai aspettati delle condizioni metereologiche cosí avverse a fine maggii eppure i cambiamenti climatici stanno facendo sí che questa sia la nuova normalità. Cercheremo di capire se sia possibile posticiparla a questa estate, andando cosí a riempire un buco rimasto disponibile all’interno del ricco calendario podistico modenese. Ringraziamo tutti gli amici, gli spprtivi e le podistiche che ci hanno contattato per avere informazioni e farci un in bocca al lupo.

Vi aspettiamo il 29 giugno alla Diecimila della Bilancia.

Comitato organizzatore Verdelaghi Emilio Mori

Tentato furto

domenica 12 maggio 2019

Ciao a tutti. Volevo solo segnalare che durante la corsa Saxoleum , qualcuno ha provato ad aprirmi la macchina che era nel parcheggio adiacente alla zona tende , questa non vuole essere assolutamente una polemica nei confronti dell organizzazione " impeccabile" della Guglia la quale nonostante il tempo non ci ha fatto mancare nulla.
Consiglio a tutti di non lasciare mai niente di prezioso in macchina , visto che purtroppo questo fenomeno continua ad esserci. Fabio Andreoli

già.. non fatevi beccare come me... :-( Mac

 
Il sito degli amici podisti modenesi e reggiani - www.modenacorre.it - www.reggiocorre.it -gestione