Cronache e Notizie

RITORNA LA STRACASTELNUOVO

mercoledì 23 ottobre 2019

Si correrà sabato 26 ottobre la 15^ STRACASTELNUOVO – MEMORIAL GIUSEPPE BONALDI gara valida per il Criterium podistico toscano e come ultima tappa del ricco calendario del CORRERE INTORNO ALLE APUANE 2019 organizzato e curato dal G.P. PARCO ALPI APUANE –TEAM ECOVERDE.
Il ritrovo è fissato per le ore 13.30 sotto il loggiato mentre le gare prenderanno il via alle ore 15.30.
Il percorso interamente cittadino si svilupperà su un km e tutte le categorie femminili, i veterani uomini e argento si sfideranno su un totale di cinque giri e partiranno per primi, mentre a seguire sarà la volta della categoria assoluta uomini impegnati sui classici sette giri.
La manifestazione e patrocinata dal comune di CASTELNUOVO GARFAGNANA e dall’ ENTE PARCO APUANE e vedrà salire sul palco alle ore 17 ben 80 atleti premiati grazie allo sponsor tecnico HOKA ONE ONE e alla società vincitrice verrà consegnato il 13^ MEMORIAL GIUSEPPE BONALDI.
Anche quest’anno il G.P. PARCO ALPI APUANE – TEAM ECOVERDE lavora per portare al via grandi nomi di atleti italiani che si sfideranno nelle classiche vie del capoluogo garfagnino contro gli atleti bianco verdi con JAMALI JILALI su tutti.
Saranno all’esordio nella competizione con il pettorale numero 1 FRANCESCO GUERRA l’atleta categoria Junior della RCF Roma allenato dal dott. LUIGI PRINCIPATO gia campione italiano a Alberobello nel 2018 e con il pettorale numero 2 ANDREA GHIA del CUS GENOVA capace di correre i 5000 metri in 14’39” e sicuramente il livornese GIACOMO BARONTINI del SEMPRE DI CORSA e il pisano ADRIANO CUROVICH saranno per loro validi avversari.
Ritorna in gara la già vincitrice FEDERICA BALDINI del CUS PISA mentre sicuramente CLAUDIA FINIELLI della GALLA PONTEDERA e ELENA BERTOLOTTI dell ‘ATLETICA CASTELLO non faranno passerella.
Come ogni anno si prevede una piazza Umberto gremita di pubblico ad applaudire gli oltre 150 atleti partecipanti.

Graziano Poli

Carovana Half Marathon, a Formigine, primi Emilio Mori e Laura Ricci e tanti i reggiani presenti

mercoledì 23 ottobre 2019

Domenica 20 ottobre a Formigine si è disputata una delle classiche del podismo modenese, la Camminata della Carovana. La gara podistica, organizzata dalla A.S.D. Podistica Formiginese è giunta quest’anno alla 38esima edizione.
Anche per l’edizione 2019 il ritrovo, partenza e l’arrivo sono stati nel centro storico di Formigine in piazza Calcagnini, con sullo sfondo la bella Rocca formiginese.
Diversi sono stati i percorsi non competitivi proposti dagli organizzatori formiginesi ai podisti che si sono presentati al via della Camminata della Carovana e infatti erano di km 3, km 8,8 e km 14,5. I tracciati si sono snodati in stradine con poco traffico tra Formigine, Corlo e Magreta e Fossa di Spezzano.
Oltre ai percorsi non competitivi a Formigine c’è stato anche una gara competitiva di km 21,097. denominata Carovana Half Marathon
I trionfatori della Carovana Half Marathon sono stati due atleti di società reggiane; della podistica Correggio anche se a Formigine ha corso per il Circolo Minerva Parma il primo dei maschi, il campogallianese Emilio Mori in 1h15’18 e della Calcestruzzi Corradini Rubiera la vincitrice della gara femminile, la sassolese Laura Ricci in 1h27’05.
Nelle femmine il secondo posto lo conquista in 1h31’13 un'altra atleta della provincia di Reggio Emilia, la reggiana Sonia Donnini del gruppo MDS Panaria Group di Sassuolo che precede la modenese Giada Serafini dell’atletica Frignano, al traguardo in 1h32’51. Le altre reggiane al traguardo sono: Federica Zini dell’atletica Scandiano, nona in 1h37’32; Barbara Marini, residente a Reggio Emilia, della Sanpolese Running, 21esima in 1h49’56; Cinzia Pontrandolfo della podistica Rubierese, 33esima in 2h00’06; Giorgia Silingardi della podistica Biasola, 43esima in 2h07’48; Graziella Incerti dell’atletica Castelnovo Monti, 45esima in 2h11’57 e Barbara Bassi della Self atletica, 47esima in 2h13’03
Nei maschi secondo e terzo due atleti della San Vito polisportiva, Fabio Poggi in 1h15’21 e Miller Artioli in 1h16’36.
Tanti i reggiani o di gruppi di Reggio Emila classificati con Riccardo Agazzotti della Calcestruzzi Corradini Rubiera, quarto in 1h17’07; il nord africano Boumalik Faical dell’atletica Reggio, quinto in 1h20’20; il baisano Claudio del gruppo podistico La Guglia di Sassuolo, sesto in 1h20’36; Dino Sabato Aliberti, 14esimo in 1h23’00, Giuseppe Donadei, 62esimo in 1h31’23 e Costantino Oliva, 90esimo in 1h35’32, tutti della Tricolore Sport Marathon; Massimo Bonazzi, 38esimo in 1h27’45, Stefano Mercati, 178esimo in 1h54’25 e Marco Montermini, 196esimo in 2h00’06, della podistica Rubierese; Marco Govi, 42esimo in 1h49’25, Giuseppe Mencarelli, 59esimo in 1h31’54, Marco Bonatti, 79esimo in 1h34’07, Marcello Prandi, 120esimo in 1h38’47, della podistica Correggio; Christian Tolomeo, 46esimo in 1h30’22, Giuseppe Pellacani, 104esimo in 1h37’32 e Andrea Paderni, 117esimo in 1h38’33, dell’atletica Scandiano; Mirko Vezzani del gruppo podistico Fabbrico, 64esimo in 1h32’03; Ezio Luca Costetti, 75esimo in 1h33’20, Emilio Casoni, 131esimo in 1h41’41 e Pier Luigi Borsari, 134esimo in 1h42’29, della Sanpolese Running; Leonardo Aleotti dell’atletica Reggio, 76esimo in 1h33’25; Gianluca Davoli, di San Martino in Rio, di Vini Fantini, malato di leucemia, 77esimo in 1h33’52, suo nuovo record personale; Davide Ruozzi dello Sportinsieme Castellarano, 171esimo in 1h50’55 e Ideo Fantini, residente a Villa Minozzo, dell’atletica Castelnovo Monti, 197esimo in 2h00’13. Sempre tanta gente alla Camminata della Carovana di cui 226 sono stati i classificati nella mezza maratona competitiva, 261 erano giunti al traguardo nel 2018.

Nerino Carri

Ai primi due posti della km 13 del Conero Trail, nelle Marche, due reggiane, Antonella Bignardi prima e Sabrina Polito seconda

mercoledì 23 ottobre 2019

Domenica 20 ottobre nei bellissimi scenari del Parco Regionale del Conero, a Sirolo è andata in scena la nona edizione del Conero Trail, ultima gara del Circuito “Parks Trail Trophi 2019”.
Gli organizzatori del Trail Adventure Marche avevano predisposto tre percorsi; km 25 con dislivello positivo di 1200 metri; km 13 con D+ di metri 550 e km 9 con D+ di 400 metri.
Al trail marchigiano erano presenti anche tre reggiani che hanno corso la km 13 con ottimi risultati. La 48enne reggiana Antonella Bignardi, residente a Quattro Castella, tesserata per lo Stone Trail Team, di Castelnovo Monti ha vinto la km 13 fermando il cronometro sul tempo di 1h19’25 e ha preceduto un’altra atleta della provincia di Reggio Emilia, la vezzanese Sabrina Polito dell’atletica Reggio, al traguardo in 1h19’28 e l’abruzzese Barbara Iacone del gruppo podistico Petruzzi Runners Teramo, all’arrivo in 1h.
Nei maschi sempre nella km 13 vittoria in 1h09’45 dell’atletica Amatori Osimo che batte Mirco Santi, secondo in 1h16’08 e Alessio Crafa dell’AVIS Ascoli Piceno, terzo in 1h16’51.
Alla km 13 ha partecipato anche Giuliano Gherardi dell’atletica Reggio che quando era in lotta per le prime posizioni nei maschi ha sbagliato percorso ed è stato squalificato dai giudici.
Nella km 25 nei maschi trionfo di Giacomo Forconi dello Sport Adventure Trail in 2h09’41 che si lascia alle spalle due atleti del The Total Training Trail, Luca Balducci in 2h11’41 e Mirko Fioretti in 2h12’47 e nelle donne primeggia in 2h46’47 Letizia Ambrosini della polisportiva dilettantistica Santa Lucia seguita da Giulia Iorresi del 100% Anima Trail in 2h47’30 e da Alice Santi del gruppo sportivo Atletica 75 Cattolica in 2h48’16. 2h2h48’06.
I percorsi del trail marchigiano abbinavano mare e montagna, tipici del Conero. Il percorso della km 25 è partito da piazza Brodolini antistante il comune di Sirolo (118m s.l.m.), dopo un breve giro intorno alle mura e al centro storico, è sceso nella suggestiva spiaggia di San Michele, dopo ha raggiunto il Belvedere sud con panorami mozzafiato sugli scogli delle “Due Sorelle” e successivamente la chiesa di San Pietro, ha continuato per sentieri raggiungendo il punto più alto del percorso (527 s.l.m.) e poco dopo i podisti hanno potuto ammirare la bellissima baia di Portonovo, quindi è passato per Pian Grande, la frazione di Poggio, Cava Nascosta, Pian di Raggetti prima di ritornare al traguardo ripercorrendo la parte iniziale del tracciato.
Notevole successo per il Conero Trail con 348 atleti classificati di cui 222 nella km 25 e 146 nella km 13.

Nerino Carri

Corrimodena, Corrimutina...

mercoledì 23 ottobre 2019

Ci siamo, a breve ci sarà la terza edizione della Corrimutina. ma ricordate come era nato tutto?
Per chi è di memoria corta, riporta un articolo della Gazzetta del 2017...
"Difficile pensare ad un salvataggioin corsa.." E invece non è andata così ! Siamo ancora qui.. e per di più con la Mezza di Modena. Ma bisogna che ci siate tutti il 3 Novembre, per la nostra festa della corsa!
...
Lettera di Guido Roncarati e soci a tutti i gruppi podistici: «Dopo 37 edizioni non abbiamo più la forza sufficiente»
11 SETTEMBRE 2017
MODENA. Salta la CorriModena. Una delle corse podistiche domenica più antiche della provincia chiude i battenti.
Animava i primi giorni di novembre e quest’anno, quando avrebbe toccato quota 38esima edizione, non ci sarà.
Colpa dei “tempi moderni”, di uno sport amatoriale che fa sempre più fatica a tenere il passo dei tempi. E così gli organizzatori, in primis Guido Roncarati che ne era l’anima, hanno dovuto dire «basta».
La notizia era nell’aria da alcune settimane, ma a tutti i gruppi podistici è stata spedita una lettera in questi giorni che non lascia più dubbi ma solo certezze.
«Con grande rammarico vi informiamo - scrivono gli organizzatori - che dopo lunga meditazione abbiamo deciso che CorriModena-Corriscuola è arrivata al fine corsa: ed una avventura durata 37 anni si è conclude. E’ una decisione che abbiamo dovuto prendere facendoci anche violenza, ma purtroppo riteniamo che non vi siano più le condizione per continuare. La Podistica Modenese, la società più anziana del podismo modenese, che assieme alla Atletica Ghirlandina formavano il gruppo organizzativo, non è più in grado di fornire la forza sufficiente a garantire uno svolgimento tranquillo ed in sicurezza. L’elevato numero di partecipanti in particolare, gli studenti, ed i podisti abituali e non, richiedevano uno spiegamento di forze sul percorso e nei servizi che nel tempo è diminuito drasticamente. La logistica per creare le strutture e servizi occorrenti alla buona riuscita della manifestazione in Piazza Grande, era altrettanto impegnativa ed onerosa. Abbiamo cercato di operare sempre al meglio per consentire a tutti di godere di una giornata di sport e aggregazione in allegria», ma i problemi oggi ci sono.
L’attenzione non va solo ai podisti ma anche alle scuole: «Per quanto attiene a Corriscuola ricordiamo il richiamo alla modenesità che ci ha sempre guidato, nonché la riproduzione delle maggiori monete della zecca Estense e la riproduzione in conio dei maggiori personaggi Estensi, che nel corso degli anni abbiamo consegnato all’arrivo ai giovani studenti. Ci auguriamo che questa simbologia abbia stimolato i giovani ad approfondire la conoscenza del glorioso passato della nostra città».
«A conclusione vogliamo esprimere a tutto il podismo modenese agli Istituti scolastici i sensi della nostra riconoscenza per averci sempre onorato della loro massiccia presenza e chi ci ha supportato».
Difficile, a questo punto, pensare ad un salvataggio in corsa.

Mac

Sabato ultimo atto del Gran Prix

martedì 22 ottobre 2019

Sabato pomeriggio a Castelfranco va in scena l'ultima tappa del Grand Prix Modenese di Podismo.

Dopo le mezze maratone di Torrazzo, Soliera e Formigine l'ultima gara è di 5 km complessivi.

Manifestazione che si sviluppa su un circuito di 1232 metri da ripetere 4 volte con un rettilineo finale di 72 metri una misurazione finale di 5000 metri esatti.

Abbiamo previsto due partenze: la prima alle 15.00 con gli atleti dai 16 ai 50 anni (nati nel 1970), la seconda partenza è prevista a seguire per le 15:40 circa per gli over 50 ( nati dal 1969 compreso) e tutte le donne.

Saranno premiati in tutto 40 persone ovvero i primi 20 della prima batteria, i primi 10 over 50 e le prime 10 donne.


Per i non competitivi è invece previsto un percorso di 6 km lungo via San Donnino e ritorno con partenza ore 14.50


Tutti i percorsi sono interamente chiusi al traffico, sia il competitivo che il non competitivo.


Ritrovo ore 14.00.

Per tutti parcheggio nell'area di fronte al negozio BS for Sport e parcheggio per i capigruppo nell'area riservata a fianco dell'ingresso.

Pre iscrizioni che si chiudono per tutti il giovedì sera, ma possibilità per i ritardatari di iscriversi anche al sabato pomeriggio.


Buona corsa a tutti.


Lorenzo Calza

TORNA LA “CORRIMUTINA”, FAMILY RUN E MEZZA MARATONA

martedì 22 ottobre 2019

Domenica 3 novembre la manifestazione podistica aperta ad appassionati, famiglie e scuole e la gara competitiva che si corre sulla distanza dei 21 km

Con la “family run”, la manifestazione podistica alla portata di tutti, e la “Mezza di Modena”, la gara competitiva che si corre sulla distanza della mezza maratona, torna, domenica 3 novembre la “CorriMutina”, giunta alla sua terza edizione.
La manifestazione, infatti, è nata nel 2017 raccogliendo il testimone della CorriModena e Corriscuola che per 37 anni si è svolta nella prima domenica di novembre, coinvolgendo migliaia di studenti ed appassionati, e, dal 2018, si è ampliata con la Mezza di Modena, la gara di 21 km che punta a intercettare atleti anche da fuori Modena (500 i partecipanti lo scorso anno, mentre i non competitivi sono stati oltre seimila).
La terza edizione della CorriMutina è stata presentata questa mattina, martedì 22 ottobre, in Municipio, con una conferenza stampa alla quale hanno partecipato l’assessora allo Sport Grazia Baracchi e i rappresentanti del comitato organizzatore che mobilita oltre trecento volontari e vede riuniti gli enti di promozione sportiva Aics, Csi e Uisp, il Comitato podistico modenese (rappresentato dai Atletica Ghirlandina e Podistica interforze), La Fratellanza, www.modenacorre.it, portale di riferimento per la corsa a Modena e Reggio Emilia, e Croce rossa. L’iniziativa ha il patrocinio del Comune di Modena, della Fondazione Cassa di Risparmio e del Coni Point provinciale, e si avvale della collaborazione dell’Ufficio scolastico provinciale.
Obiettivo, come hanno sottolineato gli organizzatori, è mantenere un modello di iniziativa sportiva e sociale, aperta a una partecipazione trasversale, che promuove la salute e un sano stile di vita ma anche la città.
“Dopo il successo dell’edizione 2018 – ha commentato l’assessora Baracchi – la CorriMutina quest’anno si consolida ulteriormente, offrendo a tutti i modenesi, dai bambini agli anziani, un’opportunità in più di stare insieme e di praticare attività sportiva ma anche un’ulteriore occasione di visibilità per la nostra città. È una manifestazione che porta avanti una tradizione molto amata in città e per questo – ha concluso – dobbiamo ringraziare gli organizzatori e tutti i volontari che stanno lavorando perché tutto riesca al meglio”.
La CorriMutina partirà alle 9.30, da viale Monte Kosica, con la corsa non competitiva aperta a tutti, e in particolare agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, sulle distanze dei 5 e dei 10 chilometri. È confermata la speciale classifica che prevede per i gruppi scolastici più numerosi una gift card per il ritiro di materiale didattico e sportivo, oltre a un premio di partecipazione per ogni scuola ed un omaggio per ogni partecipante. La quota di adesione per ogni partecipante è fissata in 2 euro. Nelle passate edizioni, il ricavato è stato utilizzato per donare al Comune due defibrillatori (collocati in via Emilia e via Taglio). Le iscrizioni per la family run sono aperte da martedì 22 ottobre presso Aics, Csi e Uisp, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18.
Alle 10.15 partirà invece la Mezza di Modena, evento agonistico importante, aperto anche ad atleti che provengono da fuori città e che ha anche l’obiettivo di promuovere Modena e le sue eccellenze. Tra i premi della competitiva, che prevede anche un ricco pacco gara decisamente “modenese”, saranno estratti anche biglietti per l’opera al Teatro Pavarotti e per la visita al sito Unesco. Lungo il percorso, a dare il ritmo agli atleti, tre gruppi musicali selezionati dal Centro musica del Comune. Alla mezza maratona si può partecipare anche in staffetta di due atleti: in questo caso, possono iscriversi anche i ragazzi che hanno compiuto i 16 anni, per il percorso completo, invece, occorre essere maggiorenni.
Tante le realtà economiche modenesi partner della manifestazione: Skipass, Sciocolà, i consorzi Lambrusco e Parmareggio, Aceto del Duca Grosoli, pastificio Rossi, Crm e Casa Modena. L’evento è stato realizzato con il contributo Bper, Coop alleanza 3.0, Run specialyst, Ska sicura, Phyto Garda, Mikroweb, Endu e Krycar concessionaria Suzuki.

Servizio Stampa Comune di Modena

Camminata La Modolena a Reggio Emilia e Laura Grandi seconda nonostante un taglio di percorso,involontario che ha recuperato con il GPS

martedì 22 ottobre 2019

Domenica 20 ottobre, al mattino, nel popoloso quartiere di Reggio Emilia di Pieve Modolena è andata in scena la “Camminata La Modolena” organizzata dal circolo ARCI locale.
La camminata reggiana era articolata su due percorsi: un corto di km 4 e un lungo di 12,5. Da circa tre anni il ritrovo, partenza e arrivo sono nei nuovi locali del Circolo ARCI Pieve Modolena, dopo che per tanti anni l’evento podistico reggiano si era svolto nella vecchia sede, a circa 500 metri dall’attuale. I tracciati erano per la maggior parte su stradine prive di traffico e carraie nei dintorni di Pieve Modolena e lambivano i paesi di Codemondo e la zona industriale di Corte Tegge.
La km 12,5 era anche competitiva e a vincere è stato in 48’24 il 45enne Cristian Grova, residente a Reggio Emilia, dello Sport Club Lombardini, alla sua prima vittoria in una gara competitiva e nel 2018 era salito sul gradino più basso del podio della Camminata La Modolena. Secondo posto in 48’53 per il 59enne novellarese Claudio Gelosini del Jogging Team Paterlini, vincitore dell’edizione 2018, terzo in 49’58 il reggiano Alessandro Zagatti della palestra Eden Sport di Villa Cella, quarto in 50’09 Michele Mimascis, compagno di squadra del vincitore; quinto in 50’45 Raffaele De Maio della podistica Correggio; sesto in 51’27 Carlo Alberto Dorelli della podistica Biasola; settimo in 51’34 Luca Perla, non iscritto a nessun gruppo e ottavo in 52’01 Mauro Accorsi della podistica Cavriago.
Nelle femmine come nel 2018 vince la tre volte campionessa mondiale di corsa su ciaspole Isabella Morlini, portacolori dell’atletica Reggio che ha fermato il cronometro sul tempo di 50’40. La reggiana ha dominato la gara staccando la seconda classificata di quasi sei minuti, la cadelboschese Laura Grandi della Futura Running di Cadelbosco sopra, al traguardo in 46’14; battendo la guastallese Benedetta Buonomo del Triathlon Viadana, all’arrivo in 59’02; Melizia Viviana Solis Wedel, di origini argentine ma residente nel reggiano, della Sanpolese Running, 59’20 il suo crono. Dalla quinta all’ottava classificata ci sono due atlete della Futura Running, Daniela Menozzi, quinta in 59’25 e Alice Beltrami, settima in 59’58; Gloria Piccinni della Sanpolese Running, sesta in 59’30 e Cecilia Molinari della palestra Eden Sport, ottava in 1h00’15.
A proposito della classifica delle donne bisogna far rilevare che andando a vedere le foto che ho fatto verso il km 7, che si possono vedere sui siti Modena Reggio corre e Podisti.net ho notato che dove ero a fare foto e video è transitata prima Laura Grandi e seconda Isabella Morlini. Subito mi è sorto un dubbio, era possibile tutto quello descritto, ma poi pensandoci visto che sul traguardo è transitata prima Isabella Morlini ho pensato che forse Laura Grandi aveva tagliato un bel pezzo del tracciato, forse non vedendo una freccia sul percorso. Comunque Laura Grandi è da elogiare, ci ha comunicato che effettivamente ha tagliato il tracciato involontariamente, però quando se ne è accorta è tornata indietro sempre sullo stesso percorso e ha recuperato la distanza che non aveva fatto, quindi compiendo regolarmente i km 12,5 previsti. Ci scusiamo con Laura Grandi per i dubbi scritti in precedenza ma io non sapevo che aveva fatto un atto che diventa da elogiare e che pochi atleti forse lo fanno.
Dopo la partenza della gara adulti si sono svolte nel parco vicino la sede dell’ARCI Pieve Modolena delle gare giovanili e i vincitori sono stati: Gabriele Di lembo della polisportiva l’Arena negli esordienti maschi; nei ragazzi Andrea Bucci nei Road Runners Poviglio; Beatrice Circhirillo della Sanpolese Running nelle esordienti femmine e Greta Morellini di Gente in Movimento nei primi passi femmine.
Alla Camminata La Modolena c’erano circa 500 iscritti circa un centinaio in meno del 2018 650 e la classifica dei gruppi è stata vinta dalla podistica Biasola con 67 sull’Avis Novellara 60, il Jolly CTL Bagnolo 53, il Road Runners Poviglio 43, la podistica Faba 40, la podistica Cavriago 37, Curves 27, la palestra Eden Sport 21, Lega del Cuore AVIS comunale, Futura Running e podistica Correggio 18.

Nerino Carri

Cross Parco dei Popoli a Castellarano

martedì 22 ottobre 2019

In una bellissima giornata di sole autunnale si è disputata sabato 19 ottobre, al pomeriggio, a Castellarano, il Cross del Parco dei Popoli.
Gli organizzatori dello Sportinsieme Castellarano avevano predisposto nello stupendo Parco dei Popoli, vicino allo stadio castellaranese, un circuito da ripetere più volte a secondo delle categorie, impegnativo con continui saliscendi che hanno reso ancora più faticosa la gara dei circa 100 concorrenti.
Nei maschi vince il modenese Marco Casini della Delta atletica Sassuolo che va ricordato alcuni anni fa avrebbe vinto un campionato italiano UISP a Castellarano, sempre al Parco dei Popoli, ma poi fu squalificato perché non si era presentato alla punzonatura. Con un bel distacco dal vincitore secondo è il montecchiese Gianmatteo Reverberi, dell’atletica Reggio, che precede due atleti della Fratellanza 1874 Modena, Alessandro Bianchi e Daniele Avesani; il reggiano di Campagnola Emilia, Fausto Galimberti dello stesso team del secondo classificato.
Nelle femmine vittoria della reggiana Elena Rango, a Castellarano con i colori dell’atletica Scandiano su Arianna Pini della Calcestruzzi Corradini Rubiera, la modenese Roberta Lodesani dei Modena Runners Club, e la giovanissima novellarese Rebecca Veronesi del CUS Parma e la ferrarese Emanuela Sitta del gruppo podistico I Cagnon.
Nelle categorie giovanili vincono: Vanessa Reverberi nei pulcini femmine, Sofia Ferrari nelle ragazze, Francesco Ferrari nei primi passi maschi, Alessandro Casoni nei ragazzi, Dermot Attilio Arisi nei cadetti e Nicolò Cornali negli allievi, tutti dell’atletica Reggio; Asia Pignagnoli della Gente in Movimento nei primi passi femmine; Beatrice Circhirillo della polisportiva Sanpolese nelle esordienti femmine; Francesca Tincani dell’atletica Castelnovo Monti nelle cadette; Nick Barili nei pulcini maschi e Mattia Genovese negli esordienti maschi, entrambi della Calcestruzzi Corradini Rubiera.

Nerino Carri

Colombini e Santi, ottime prove su strada. Giornata no per Giacobazzi

lunedì 21 ottobre 2019

Fine settimana con alti e bassi per gli atleti di casa Fratellanza in maglia gialloblù o in forza ai gruppi sportivi militari. Simone Colombini detta legge tra gli italiani al Giro dei Tre Monti di Imola, mentre Christine Santi è tra le protagoniste a Giussano. Giornata no, invece, per Alessandro Giacobazzi che non ha concluso la prova ai campionati italiani di mezza maratona in Sicilia.

Colombini a Imola
Ad Imola la gara su strada ha visto il pavullese Simone Colombini chiudere come terzo assoluto e primo tra gli italiani. La prova di 15,300 chilometri era composta di una prima parte in salita per raggiungere la cima della collina e i restanti chilometri in discesa. La gara ha visto i due africani presenti nella starting list partire ad un ritmo davvero sostenuto, che hanno poi calato nella parte in salita dove Colombini è riuscito a riattaccare il gruppo di testa. La discesa ripida ha però visto il portacolori della Fratellanza mettere in prima fila la prudenza, lasciandosi sfilare per poi chiudere terzo la gara.

Santi a Giussano
Christine Santi nella gara di Giussano, nei pressi di Milano, ha ben figurato nei 9,800 chilometri su strada. Il percorso si destreggiava su un giro di circa tre chilometri da ripetere 3 volte. Il gruppo delle partenti era al livello di un campionato italiano su strada. La Santi ha militato nel gruppo di testa con una gara a ritmi regolari e una buona progressione che l’ha vista cambiare andatura sul finale piazzandosi quinta alle spalle di Martina Merlo, Silvia Soggiorni, Anna Spagnoli e Ludovica Cavalli. La Santi, soldatessa ex portacolori della Fratellanza, ha quindi portato a termine una buona gara in vista degli appuntamenti futuri.

Giacobazzi giornata no
Lo specialista delle lunghe distanze Alessandro Giacobazzi ha dovuto fare i conti con una delle giornate che ogni atleta vorrebbe eliminare dal suo storico. Il pavullese ai campionati italiani di mezza maratona, infatti, ha dovuto fermarsi a metà gara. L’appuntamento per lui sarà a fine novembre dove tornerà a correre la maratona.

Andrea Lolli - Fratellanza

Kohler Run for Clarity a Reggio Emilia, camminata di beneficienza

lunedì 21 ottobre 2019

Sabato 19 ottobre oltre che il Cross dei Popoli a Castellarano, nella provincia di Reggio Emilia si è disputata la Kohler Run for Clarity.
La camminata era non competitiva, organizzata dallo Sport Club Lombardini e la podistica Biasola si è svolta a Reggio Emilia nello stabilimento Kohler (ex Lombardini) su due percorsi di circa km 3,5 e km 7. I circa 100 podisti presenti alla Run for Clarity reggiana hanno corso o camminato in un tracciato ricavato all’interno dello stabilimento reggiano della multinazionale americana di poco più di km 1,5, da ripetere più volte a seconda della distanza da percorrere.
La Kohler Run for Clarity era anche una corsa benefica per portare l’acqua potabile a chi non ce l’ha. Run For Clarity è un programma globale di Kohler in collaborazione con l’associazione no profit Connect for Water per fornire acqua sicura alle persone e nel mondo se ne stimano circa 1,8 miliardi, che non hanno disponibilità di acqua potabile. All’evento podistico reggiano chiunque poteva partecipare, correndo o camminando: dipendenti e non, amici, parenti e amanti dello sport.
L’azienda ha donato un dollaro per ogni chilometro percorso dai partecipanti a sostegno del progetto Safe Water for All, consentendo la distribuzione dei filtri per l’acqua Kohler Clarity con relativa formazione e supporto all’utilizzo.
A Reggio Emilia nonostante fosse una manifestazione podistica di beneficienza hanno partecipato poche persone e nella classifica dei gruppi il primo posto è del Jolly CTL Bagnolo con 20 iscritti, seguito dalla podistica Biasola 15, la podistica Faba 13, la Kohler 1 10, la Kohler 2 9, la Kohler 3 9, Futura Running di Cadelbosco Sopra 6, Lega del Cuore AVIS Comunale 3, polisportiva Zelig 2
Per partecipare e raggiungere l’obiettivo del 2019 della Run for Clarity c’è tempo fino al 31 ottobre. Basta iscriversi sul sito runforclarity.com, correre o camminare secondo le proprie possibilità e poi registrare i chilometri raggruppati per settimana inserendo una prova del percorso (per esempio una schermata del cellulare con il tracciato, i passi o il certificato di iscrizione a una gara non agonistica). Per i più tecnologici, è possibile collegare il dispositivo o programma di gestione allenamenti a strava.com. Una volta registrati, con Strava è possibile unirsi al club Global Run for Clarity e certificare i chilometri percorsi automaticamente. Progettati per aiutare, i filtri per l’acqua Kohler Clarity forniscono fino a 40 litri di acqua potabile ogni giorno, ossia il fabbisogno sufficiente per un piccolo nucleo familiare. Questo sistema di filtrazione, che elimina il 99% dei batteri e protozoi, non ha bisogno di elettricità o infrastrutture idriche ed è pensato per consentire l’accesso ad acqua sicura e potabile alle persone che abitano nelle regioni più remote in condizioni di povertà estrema.

Nerino Carri

 
Il sito degli amici podisti modenesi e reggiani - www.modenacorre.it - www.reggiocorre.it -gestione