Cronache e Notizie

Vivicittà di Reggio Emilia

giovedì 18 aprile 2024

Il Vivicittà reggiano è iniziato sabato pomeriggio con giochi e sport in piazza della Vittoria ed è proseguita domenica mattina, sempre in piazza centrale del comune reggiano, con la gara sui km 10 e la camminata non competitiva. Circa 6.000 sono i partecipanti al Vivicittà di Reggio Emilia ed è un traguardo raggiunto per la UISP reggiana, che consegna alla Città del Tricolore il record di partecipazione tra le 38 città ospitanti il Vivicittà, la manifestazione promossa da UISP nazionale, che ha coinvolto complessivamente 40mila persone in Italia.
Una festa con i colori della bandiera della pace, sotto la quale hanno sfilato migliaia di bambini insieme a famigliari, amici e insegnanti delle scuole. Sono stati gli 50 istituti scolastici tra nidi, infanzia, primarie e scuole secondarie di primo grado che si sono iscritte al Trofeo scuole.
Bello il lungo corteo di bambini fioriti, rumorosi e sostenibili che hanno sfilato in una bella giornata di sole per le vie del centro portando messaggi di pace, uguaglianza e “movimenti sostenibili”, tema dell’edizione 2024. La scuola con il maggior numero di iscritti in assoluto è stata la Primaria Matilde di Canossa con 300 iscritti. La scuola più fiorita è stata la primaria Ghiarda, la più sostenibile la secondaria Lepido, mentre la scuola più eco-rumorosa la Canossini. Oltre alla Matilde di Canossa, gli istituti più numerosi sono stati il nido Sole, la scuola d’infanzia Otto Marzo e la scuola secondaria Lepido. Tutte le scuole con almeno 10 iscritti sono state premiate sul palco dal Sindaco Vecchi e dall’assessora Curioni insieme al Presidente della Fondazione Mauro Rozzi.
Nella gara competitiva che si è svolta sulla distanza di km 10 in un circuito di km 5 da ripetere due volte con il primo giro più lungo del secondo.
Vittoria nella 39esima edizione reggiana per Fabio Lusuardi della Calcestruzzi Corradini Rubiera con il crono di 32’02 e la modenese Gloria Venturelli dell’atletica 85 Faenza in 37’58, che a Reggio Emilia si aggiudica il podio femminile per il terzo anno consecutivo, ma sale anche sul podio nazionale femminile con la medaglia di bronzo nella classifica compensata.
Nei maschi secondo posto per il reggiano Roberto Boni della Self atletica Montanari Gruzza in 32’22, terzo per il campogallianese Emilio Mori della podistica Correggio in 33’38, quarto per Pietro Salati dell’atletica Reggio in 33’57 e quinto per il lombardo Edoardo Sezzi dei DK Runners Milano in 34’22.
nelle femmine dopo la vincitrice Gloria Venturelli ci sono: la reggiana Elena Fontanesi della Self atletica Montanari Gruzza in 39’57, Caterina Filippi di Vezzano sul Crostolo del gruppo podistico AVIS Novellara in 40’11, Anna Ofidini compagna di squadra della seconda classificata in 40’29 e Manuela Pescarolo della Futura Running di Cadelbosco Sopra in 41’38.
Primo posto nel Campionato provinciale di km 10 su strada UISP di Reggio Emilia in prova unica per Pietro Salati e Caterina Filippi, ma hanno ricevuto il premio i primi 3 uomini e le prime 3 donne di ogni categoria.
UISP porta da 30 anni lo sport anche negli istituti penitenziari e lo fa anche attraverso Vivicittà. Mercoledì 17 aprile all’interno dell’istituto penitenziario di via Settembrini di Reggio Emilia i detenuti hanno avuto la possibilità di correre o camminare su un percorso allestito dentro il perimetro delle mura dagli operatori UISP reggiana.

Nerino Carri

Società di Reggio Emilia ai campionati nazionali di corsa campestre CSI con Allegra Iori prima nelle ragazze A

giovedì 18 aprile 2024

Allegra Iori dell’Atletica Reggio) ha vinto il titolo CSI nella gara di cross Ragazze A sui 1100 metri in 4’01’10 dei 25esimi campionati nazionali di corsa campestre del Centro Sportivo Italiano a Calco e Brivio, in provincai di Lecco che si sono disputati sabato 6 e domenica 7 aprile. Nelle prime dieci sempre della società di Reggio Emilia Giulia Bottii è nona nelle Amatori A, Cecilia Garimberti sesta nelle Ragazze A, Giulia Paganini ottava nelle Esordienti 2013 e la staffetta femminile giovanile A sesta, composta da Laura Ponzetta, Cecilia Garimberti, Anita Bandini, Nina Monti e Allegra Iori. L’Atletica Reggio è decima nella classifica societaria giovanile, sulle oltre 108 società partecipanti (in totale 11 regioni rappresentate e circa duemila atleti in gara).
Sabato 7 aprile a Calco si sono svolte tutte le categorie individuali, in palio 27 tutoli, mentre domenica a Brivio lo Staffettone delle Regioni.
Presente nel lecchese anche l’atletica Castelnovo Monti, sesta nella classifica di società, con Diego Martin Romeo quarto e Roberto Chiesi, quindicesimo negli esordienti 1° anno maschi; Matilde Gazzotti quinta, Matilde Bertolini 17esima e Arianna Benassi, ventesima negli esordienti 2° anno femmine; Chidiebude Mikel Smart Ogbodo quarto e Stefano Galvani tredicesimo negli esordienti 2° anno maschi; Matilde Chiesi ventunesima nelle ragazze.
Della polisportiva Sampolese Gaia Bolondi è 14esima negli esordienti 2° anno femmine; Leonardo Tarasconi 14esimo negli esordienti 2° anno, Matteo Bolondi sesto nei ragazzi A, Van Claire Thi Diarra nelle cadette, Pietro Bolondi 15esimo nei cadetti.




Nerino Carri

VANNI VINCE IL VIVICITTA’ A LA SPEZIA

mercoledì 17 aprile 2024

Non solo CDS, ma anche appuntamenti sparsi sul territorio nazionale, ricchi di piazzamenti e buone prove per la societa' del presidente Graziano Poli. A Prato, al Campionato Toscano di mezza maratona inserito nella "Prato Half Marathon", titoli di campioni toscani per Nicolo' Bandini (2 assoluto) e Gino Cappelli, terzo posto di categoria per Nicola Matteucci e Barbara Casaioli e buone prove per Adriano Mattei, Enrico Manfredini, Francesco Luparini, Francesco Fabbri, Giorgio Davini, Manuel Tilocca, Federico Gonfiantini, Roberto Tognari e Gianfranco De Santis; a Genova, al Campionato Italiano di mezza maratona inserito nella "Mezza di Genova", buone prove per Simone Cimboli, Roxana Girleanu, Aldo Allori, Luciano Bartoli e Simone Bordigoni; a Livorno, al "Vivicitta'", terzo posto assoluto per Andi Dibra, vittoria di categoria per Lorena Meroni e Fabrizio Santi, secondo posto di categoria per Claudio Mazzola, terzo posto di categoria per Andrea Marsili e buone prove per Dario Anaclerio, Mimmo Marino, Gabriele Fensi, Zivago Anchesi, Maurizio Pierotti, Lorenzo Checcacci, Giacomo Bruschi, Marco Mattei, Elena Genemisi, Fabio Belletti, Ludmillo Dal Lago, Flavia Cristianini, Claudio Landucci, Paola Lazzini, Arturo Sargenti e Maricica Lucaci; a Pescara, al "Vivicitta'", buona prova per Francesco D'Agostino (7 assoluto); a La Spezia, al "Vivicitta'", vittoria assoluta per Nicola Vanni e buone prove per Davide Pruno (8 assoluto), Maurizio Folegnani e Giovanni Marra; a Casciana Terme (Pisa), alla 10 km locale, vittoria assoluta per Roberto Ria e bella prova per Luca Lombardi (4 assoluto); a Rimini, alla mezza maratona locale, buona prova per Cosimo Debolini.

Andrea Cavallini - Alpi Apuane

46^ Giro Podistico di San Lazzaro - Domenica 14 Aprile 2024 San Lazzaro di Savena (BO)

domenica 14 aprile 2024

Metti una bella domenica mattina di un Aprile insolitamente caldo, il giusto gruppo di compagni di viaggio, un percorso accattivante non durissimo ma che tutta via ci ha permesso di vedere e attraversare luoghi di indubbio interesse, il gioco è fatto: hai trascorso una bellissima mattina. Così è stato oggi in occasione del “46^ Giro Podistico di San Lazzaro”. Arriviamo di buon’ora nei pressi del Circolo ARCI di San Lazzaro, il punto di ritrovo della camminata odierna, una freccia ci indica di salire all’altezza dell’Ospedale Bellaria dove c’è a disposizione un comodo parcheggio gratuito: eseguiamo alla lettera. Le tende dei capigruppo sono state collocate all’interno del parcheggio del Circolo ARCI, a ridosso del parco dove si trovano i recinti di alcuni animali domestici, comprese alcune capre, luogo adatto da far vedere ai bambini. In pochi minuti si forma il solito gruppo di compagni d’avventura, anzi oggi per essere precisi leggermente ridotto: ne approfitto per scrivere ancora una volta Forza Roberta, dedicato ad una nostra cara amica: ti aspettiamo il prima possibile! Seguiamo con attenzioni le varie frecce direzionali, oggi è in programma anche una prova competitiva, la ludico motoria è a partenza libera dalle ore 8.30 alle ore 9.00. Seguiamo una pista ciclopedonale che ci porta ad un semaforo che ci permette di attraversare in sicurezza sulle strisce la trafficatissima Via Carlo Jussi. Iniziamo a salire per Via Martiri di Pizzocalvo, un cippo alla nostra destra ricorda l’eccidio di otto persone avvenuto il 3 Luglio 1944 ad opera dei tedeschi. Si trova nei pressi di Villa Calzoni, una delle tante ville che incontreremo lungo questa parte di percorso, tutte quante sono circondate da fantastici giardini con piante ad alto fusto. Il cartello stradale cita: Villaggio Marino. Si tratta di un agglomerato di costruzioni abbastanza moderne, costruito vicino ad uno degli ingressi del Parco Regionale dei Gessi e della Abbadessa. Infatti terminato asfalto di Via Martiri di Pizzocolvo entriamo proprio nel suddetto parco. Il fondo è in ghiaino, una vasta copertura arborea ci permette di rimanere all’ombra non male direi, si tratta di Strada Comunale Casone. Torniamo sull’asfalto ma per poco alla nostra destra si distingue la Chiesa di Santa Cecilia Croara che dà il nome alla località e alla strada. Alla chiesa non ci arriveremo infatti svolteremo a sinistra in Via Benassi che ci condurrà al più bel punto panoramico della camminata. Infatti dopo aver in pratica attraversato un’area di cantiere, in cima alla collina esce un panorama da mozzare il fiato, sotto di noi si vede tutta la città di Bologna, si distinguono nettamente le Due Torri, quelle della Fiera, sembra quasi che si possano toccare: una sosta è d’obbligo. Si riparte: Via Benassi ci porta al Parcheggio La Palazza da dove partono i sentieri che portano alla Grotta della Spipola e all’omonima dolina. Si tratta di uno dei più interessanti esempi di grotte naturali posizionale nella vena del gesso. Qui troveremo il ristoro intermedio oltre ad un nutrito numero di speleologhi che si stanno preparando per entrare nella grotta. Noi si prosegue, stiamo per arrivare alla Ponticella altra località utilizzata in occasione di altre camminate durante l’anno podistico. Ci attende un lungo giro all’interno del Parco Lungosavena, per poi puntare al retro dell’Ospedale Bellaria, infatti sbucheremo nel piazzale dove sorge l’alta ciminiera che veniva utilizzata per eliminare i rifiuti ospedalieri oggi è solo un elemento architettonico. Con un largo giro ci lasciamo alle spalle l’ospedale ci attende un lungo viale sterrato che ci porta all’arrivo. Confesso che c’è un bel po’ di movimento, infatti sta per partire in ritardo la prova competitiva il tutto dovuto alla mancata presenza del medico: lo hanno dovuto aspettare come da regolamento. Torniamo ad attraversare Via Carlo Jussi ci aspetta il ristoro finale, ancora un passaggio all’interno della zona dei recinti degli animali, si ritorna a salire al parcheggio. Ripeto Gran Bella Camminata.

Renzo Barbieri

Circuito del Frignano confermato

domenica 14 aprile 2024

Quello che è sicuro è che il Circuito del Frignano si farà. Probabilmente le gare saranno 6, una è ancora indecisa, ma è più no che si.
Ecco il calendario (provvisorio) 22/6 Monchio, 7/7 Sestola, 21/7 Frassinoro, 18/8 Riolunato, 25/8 Pavullo.
Modenacorre non partecipa più all'organizzazione, ma la manifestazione merita attenzione e supporto. Segnaliamo che al momento è probabile che il circuito apra anche a chi non è tesserato Fidal o Uisp, ma ricordiamo in ogni caso sin d'ora che SERVE SEMPRE IL CERTIFICATO MEDICO TIPO B VALIDO e CHE DEV'ESSERE SCRITTO "PER ATLETICA LEGGERA". Quindi chi l'ha per lo sci di fondo (è lo stesso protocollo) può richiedere GRATUITAMENTE all'ente / medico che l'ha emesso una copia ANCHE per ATLETICA LEGGERA. Poi non dite che non ve l'abbiamo detto....

Mac

La vezzanese Chiara Vitale quinta al Trail del Patriarca nel Veneto

venerdì 12 aprile 2024

Nel Veneto domenica 7 aprile è andato in scena il Trail del Patriarca. Teatro di partenza e arrivo il paese di Villa di Villa in provincia di Treviso.
I percorsi erano due competitivi: km 25 con 1400 metri di D+, km 15 con 800 metri di D+ e uno non competitivo sulla distanza di km 10 con 400 metri di D+.
Il percorso del dodicesimo Trail del Patriarca si è sviluppato tra sentieri e strade sterrate della Pedemontana trevigiana. Subito dopo la partenza, nella piazza di Villa di Villa, gli atleti hanno imboccato il sentiero CAI 1060, arrivando nella bella faggeta del Bosco del Cansiglio, quindi dopo uno spettacolare saliscendi, il tracciato è giunto al Col Alt, ha attraversato il Parco dei Carbonai (uno dei setti parchi tematici dell’Alta Marca Trevigiana) e poi è salito al Col Oliver che con i suoi 1120 metri di quota rappresentava il punto più alto del percorso. Dal Col Oliver la corsa ha cominciato a scendere verso la pianura, offrendo un ultimo passaggio panoramico al Col Castellir, dove gli atleti sono passati accanto ai ruderi del Castelat, un’antica fortificazione, prima di arrivare al traguardo in piazza a Villa di Villa.
Il 45enne bellunese Gianpietro Barattin di Puos d’Alpago, tesserato per l’Alpago Tornado Run, si è imposto per la quarta volta nel trail più lungo di km 25 del Trail del Patriarca, corsa in ambiente naturale a Villa di Villa, nel Comune di Cordignano, bissando il successo del 2023. L’atleta veneto ha dominato la gara in 2h16’58, staccando di quasi tre minuti Gabriele Del Longo del Mico Sport La Recastello Radici Group, secondo 2h19’51 e il compagno di squadra Enrico Bonati, terzo in 2h20’13. Per Barattin è anche il secondo successo stagionale negli eventi podistici in fuoristrada organizzati dalla Scuola di Maratona Vittorio Veneto, all’inizio di febbraio aveva vinto il Ridges Trail.
Veneta anche la vincitrice della gara femminile sui km 25, Alessandra Olivi  dei Black Warriors, 32enne di Briana di Noale, specialista di trail e ultramaratone, prima in 2h59’30, seguita da Monica De Rosso  dei Marunners in 3h07’18 e Giulia Jedrejcic  della Duerocche in 3h14’42. Quinto posto per la ormai reggiana d’adozione residente a Vezzano sul Crostolo di origini molisane Chiara Vitale, trail runner dell’atletica Reggio che ha concluso la sua fatica in terra veneta in 3h19’05.
Daniele Roccon  della Scuola di Maratona Vittorio Veneto ha vinto il trail corto di km 15 in 1h18’48, 31, davanti Alessandro Bellè, al tragurdo in 1h19’19 e Alessandro Carlet dell’Orsago all’arrivo in 1h19’53. Nelle donne l’azzurra dello skiroll Lisa Bolzan dell’Orsago taglia per prima il traguardo in 1h44’47. Seconda Emily Canzian in 1h46’30 e terza Alessia Dal Vecchio del Team Treviso in 1h49’58. Nella km 10 non competitiva vittorie di Alberto Freschi e Patrizia Zanette.
Il Trail del Patriarca si conferma appuntamento apprezzato da molti appassionati delle gare in fuoristrada e un evento in crescita con oltre 1200 partecipanti complessivi, di cui 174 classificati nella km 15 e 385 nella km 25. grazie soprattutto alla crescita delle due prove agonistiche. Ivan Cao, responsabile organizzativo dell’evento podistico veneto, accompagnato dal presidente della Scuola di Maratona Vittorio Veneto, Vittorio Buriola ha ringraziato tutti i volontari che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazioni fra i quali la Pro Belvedere (storica società ciclistica che a Pasquetta ha organizzato l’85° Giro del Belvedere).

Nerino Carri

Reggiani i Campioni Regionali sui 10000 metri su pista di Rubiera, Giuseppe Gravante e Sara Nestola

giovedì 11 aprile 2024

La Calcestruzzi Corradini Excelsior Rubiera domenica 7 aprile a Rubiera ha organizzato l’edizione 2024 dei Campionati Regionali dei 10.000 su pista e Campionati Regionali 30' e 20' Allievi e Allieve
Nella 20 minuti allieve si è imposta Giada Margherita Ligorio  della Fratellanza 1874 Modena, che ha percorso 5060 metri, precedendo la pavullese Giulia Tononi della società organizzatrice, seconda con 5006 metri percorsi e  Maria Alessandra Rinzullo, compagna di squadra della vincitrice con 4598.
Nei 30 minuti minuti allievi vittoria per il pavullese Matias Costi  della Calcestruzzi Corradini Rubiera con 8743 metri che precede Gabriele Perugini  della Libertas Atletica Forlì con 8627 e Pietro Lami  del Golden Club Rimini con 8093. Dell’atletica Guastalla Reggiolo Martina Pontoni è quinta con metri 4162 nei 20 minuti allieve; Marco Accorsi nono co 74446 metri e Andrea Cavalletti undicesimo con 6936 metri nei trenta minuti allievi.
Nei 10000 metri nelle prime due serie vinte rispettivamente da Manuel Cecchini  della Calcestruzzi Corradini Rubiera in 36’24”10 e Isaia Linari  della Lughesina in 32’42”82. Nella terza e ultima serie, con gli atleti con gli accrediti migliori, ottima prestazione per il guastallese Giuseppe Gravante della società organizzatrice che conquista il titolo regionale con il crono di 29’23’37 ed un miglioramento di oltre un minuto sul precedente personal best di 30’29”70. Per l’atleta allenato da Stefano Baldini un ottimo secondo 5000 metri corso dall'atleta di casa in 14’21”09 co i passaggi ogni 1000 metri di 2’56”0, 2’51”3, 2’57”5, 2’42”6. Secondo Luis Matteo Ricciardi dell’atletica Imola Sacmi AVIS in 30’26”46 e terzo Andrea Soffientini  della Dinamo Sport in 30’29”19. Atleti della società organizzatrice in classifica sono: il rubierese Fabio Lusuardi, ventesimo in 34’00”74 e Umberto Preci, 25esimo in 35’.22”49.
Oltre al titolo regionale assoluto sono stati assegnati anche i titoli regionali di categoria: fra gli juniores il campione regionale è Brayan Schiaratura  della Golden Club Rimini con 33’09’12; fra le promesse titolo per Alessandro Pasquinucci della Fratellanza 1874 Modena con 30’31”18, davanti al reggiano di Casalgrande Federico Rondoni  della Calcestruzzi Corradini Rubiera con 31’40”46. Nei master titoli per Andrea Soffientini negli SM 35 con 30’29’19,  per il modenese Luca De Francesco  della Dinamo Sport negli SM 40 con 32’09”97, per il campogallianese Emilio Mori  del Circolo Minerva di Parma negli SM 45 con 34’28”45, per Fabrizio Gentile  dei Modena Runners Club negli SM 50 con 34’52”09.
Nei 10000 metri femminili titolo regionale per la reggiana di Pieve Modolena Sara Nestola  della Calcestruzzi Corradini Rubiera in 33’54”83, reduce dal primato regionale dei km 5 su strada a Parigi di venerdì 5 aprile. Per l’azzurra allenata anche lei da Stefano Baldini quello di Rubiera è il quinto tempo in carriera sui 10000 metri, sui sei disputati. Marika Accorsi del CUS Parma giunge seconda migliorando il primato personale con il tempo di 34’01” 57 (precedente personal best era di 37’55”73 realizzato nell'analoga prova del 2023 a Ferrara) confermando l’ottimo stato di forma e il quarto posto ai Campionati Italiani di cross. Terzo posto per  Giulia Vettor del CUS Parma in 36’11”82, al suo debutto nei 10000 metri su pista, quarto per  Enrica Bottoni  della Calcestruzzi Corradini Rubiera in 37’06”96, quinto per la guastallese di origini ma residente a Reggio Emilia Barbara Bressi  della Self atletica Montanari Gruzza in 37’21”12 e sesto per Giulia Pasini della stessa squadra della seconda classificata in 38’21”84, pure al debutto nei 25 giri in pista.
I titoli regionali di categoria sono stati vinti dalla reggiana Elena Fontanesi nelle promesse con 39’24”0 e da  Barbara Bressi nelle SF 35, entrambe della Self atletica Montanari Gruzza; da Paola Braghiroli dell’atletica 85 Faenza nelle SF 45 con 39’02”32.
Prima delle gare valide per i Campionati Regionali in programma anche gare del settore giovanile Ragazzi e Cadetti sulla distanza dei 1000m, che anche se non hanno visto una grande partecipazione numerica hanno visto i successi di Jacopo Costanzini della polisportiva Castelfranco nei cadetti con 2’49”31, Valentina Muzzarelli dell’atletica Frignano Pavullo nelle cadette con 3’04”71, di Patrick Donati  del Libertas Atletica Forlì nei ragazzi con 3’03”70, di Sofia Polizzano  della Delta Sassuolo con 3’15”04 nelle ragazze.

Nerino Carri

36° Trofeo AVIS Novellara nel reggiano

giovedì 11 aprile 2024

Il 7 aprile si è svolta a Novellara la 36^ edizione del Trofeo AVIS Novellara, dopo che nel 2022 si era tornata a disputare la terza domenica di marzo, sua data abituale nel calendario podistico reggiano, mentre nel 2022 si era dovuta spostare al giorno di Pasquetta per mancanza di permessi burocratici.
A Novellara vi era una Mezza Maratona competitiva in un circuito da ripetere due volte (km 10,5 - km 10,6) mentre nel 2022 tre volte (km 6.8 - km 6.8 - km 7.2) e una camminata non competitiva sulle distanze di km 4, km 7, km 12..
Per gli organizzatori del gruppo podistico Novellara, del presidente Tristano Santelli, è stato un successo l’evento podistico della bassa reggiana con più di 3000 partecipanti, una bella festa del podismo reggiano e 186 classificati nella maratonina in aumento rispetto al 2023 in cui all’arrivo erano giunti 140 runners.
Nella maratonina maschile vittoria del 31enne Zeno Vistoli, tesserato nei Runcard in 1h15’21, seguito dal lombardo Nicola Buffa dell’atletica Pidaggia 1528 in 1h16’27, dal reggiano Luca Zanni della Self atletica Montanari Gruzza in 1h17’22, dal Massimo Sargenti dei Modena Runners Club in 1h18’18 e da Giuseppe Rini della società organizzatrice in 1h18’29.
Nelle donne arrivo quasi in volata per due portacolori del gruppo podistico AVIS Novellara, la vezzanese Caterina Filippi prima in 1h30’19 e la moldava di origini Natalia Pagu, seconda in 1h30’27. Sul terzo gradino del podio la carpigiana Silvia Torricelli del gruppo reggiano Tricolore Sport Marathon in 1h30’50 che si lascia alle spalle due atlete della Futura Running di Cadelbosco Sopra, Gloria Piccinni, quarta in 1h36’37 e Laura Grandi, quinta in 1h37’28
La classifica dei gruppi è stata vinta dal gruppo modenese podistica Cittanova con 69 iscritti su Jolly CTL Bagnolo con 33, podistica Correggio 29, gruppo podistico AVIS Suzzara e podistica Cavriago 26.

Nerino Carri

Fiorenza Pierli e Fabio Gervasi i vincitori della Physi-C Run nel parmense e altri reggiani al traguardo

giovedì 11 aprile 2024

Domenica 7 aprile a San Secondo, in provincia di Parma, si è disputata l'edizione 2024 della Physi-C Run. Giornata soleggiata per i circa 350 podisti che si presentano al via della gara parmense .
L’evento podistico parmigiano che si era tornato a disputare nel 2022, dopo due anni di stop per la pandemia, quest’anno è giunto alla decima edizione Oltre alla gara competitiva valida come ottava prova per il campionato provinciale parmense nella Physi-C Run vi era anche una camminata non competitiva sui km 10 e km 6.
Il tracciato, lungo circa 10 km, si è snodato nelle periferie del paese con partenza e arrivo nella suggestiva piazza si San Secondo
Nelle donne era presente una delle più forti atlete reggiane, l’albinetana di residenza ma di origini modenesi Fiorenza Pierli, dell’atletica 85 Faenza che ha vinto la gara parmense in 37’28 bissando il successo del 2023. La vincitrice dell’edizione 2022, la correggese d’adozione ma sicula di origini, l’oltre 50enne Rosa Alfieri, tesserata per il Circolo Minerva di Parma si è classificata seconda come nel 2023 in 38’15 che batte la compagna di squadra, la parmigiana Maria Pezzarossa, terza in 38’28 .
Anche nei maschi vince un atleta reggiano, Fabio Gervasi residente a Casina, portacolori del Circolo Mionerva in 33’07, seguito da Mauro Gibellini dell’atletica Rodengo Saiano Mico in 33’44 e dal parmigiano Andrea Bonici della ASD 3T in 34’25 .
A San Secondo nei maschi in classifica troviamo alcuni reggiani o di società della provincia di Reggio Emilia come il parmigiano Fabio Ciati dell’atletica reggio, nono in 35’06; Simone Cecere di Sant’Ilario d’Enza, del CUS Parma, 26esimo in 37’23; il novellarese originario di Mazzenzatico Gianni Davoli dell’atletica Manara, 43esimo in 39’04 e primo negli MM 55Sempre tanti i classificati alle gare in provincia di Parma con 406 atleti al traguardo, nel 2022 erano stati 350 e 523 i partecipanti compresi quelli della non competitiva..
Sono stati 338 i podisti i calssificati sotto la quattrocentesca Rocca dei Rossi di San Secondo e 459 i partecipanti fra gara competitiva e camminata non competitiva.

Nerino Carri

Atleti della provincia di reggio Emilia alla Maratona del Lamone a Russi, in Romagna

giovedì 11 aprile 2024

Domenica 7 aprile alla 46esima edizione della Maratona del Lamone a Russi, nel ravennate sono stati ben 679 gli arrivati nella prova sui km 42,195 (579 nel 2023) che si è confermata uno degli appuntamenti più amati dal popolo podistico amatoriale, nonostante lo stesso giorno si è corsa la maratona di Milano.
A due anni di distanza il ruandese Jean Baptiste Simukeka torna a vincere la Maratona del Lamone, l’atleta tesserato per il gruppo sportivo Orecchiella non ha avuto rivali sui km 42,195 vincendo conil crono di 2h28’43. In una giornata di gran caldo con temperature quasi estive e umidità molto alta il vincitore ha distaccato il secondo classificato di più di quattro minuti, David Colgan dell’atletica Castenaso Celtic Druid, secondo come nell’edizione 2023 in 2h32’55. Sul terzo gradino del podio è salito Marco Redaelli, ultracinquantenne dell’AVIS Oggiono in 2h33’57.
Nella gara femminile primo successo sulle strade di Russi per Giorgia Bonci dei Liferunner in 3h03’16” che ha battuto Stefania Simonelli del Team 42195, al traguardo in 3h10’44, per il terzo anno consecutivo seconda, al traguardo in 3h10’44 e Elehanna Silvani dell’Azalai, terza in 3h11’48.
Il migliore dei maschi reggiani nella Maratona del Lamone è stato Simone Montelaghi della polisportiva Scandianese, 22esimo in 2h51’21, ma altri atleti hanno concluso la km 42,195 di Russi come D ante Gazzotti, 136esimo in 3h27’50 e Cristian Sassatelli, 506esimo in 4h48’50, entrambi dello Sportinsieme Castellarano; Dario Boeri della Eden Sport, 177esimo in 3h37’26; Wainer Ferrari della polisportiva Rubiera, 262esimo in 3h52’26; Daniele Menozzi del Tricolore Sport Marathon, 540esimo in 4h58’44. Nelle donne della provincia reggiana l’arcetana Debora Ligabue della polisportiva Scandianese è 51esima in 4h16’29, sesta nelle SF 50 e la povigliese Assunta Fava della podistica Cittanova è 103esima in 5h09’29.
Oltre ai 679 i concorrenti in classifica nella maratona i podisti presenti sono stati molti di più considerando anche le prove non competitive disputate nella stessa giornata, mentre al sabato erano state anticipate le gare per i più piccoli per il Gran Premio Promesse di Romagna. Il gruppo sportivo Lamone ha organizzato molto bene l’evento podistico romagnolo in collaborazione con il Comune di Russi, quello di Bagnacavallo, di Ravenna, della provincia di Ravenna e di UISP e FIDAL, che ha inserito la gara nel calendario nazionale.

Nerino Carri

 
Il sito degli amici podisti modenesi e reggiani - www.modenacorre.it - www.reggiocorre.it -gestione