Cronache e Notizie

Cascavilla e Giacobazzi in gara per i tricolori dei 10000 metri su pista

venerdì 25 settembre 2020

In un finale d’estate davvero esplosivo a causa del lungo lockdown primaverile continuano le rassegne tricolori. Domenica sarà la volta dei 10000 metri su pista, con i titoli assoluti e Under 23 che saranno messi in palio nell’impianto di Vittorio Veneto. A difendere i colori gialloblù ci sarà Maria Chiara Cascavilla, sempre più proiettata sulle lunghe distanze, mentre al maschile sarà impegnato Alessandro Giacobazzi che, attualmente, veste i colori dell’Aeronautica.

Sfida ai big italiani
Sarà una domenica particolarmente impegnativa per i modenesi che se la dovranno vedere con un sostanzioso gruppo dei migliori interpreti della specialità. Se da una parte il lungo stop dell’attività ha creato grossi problemi a tutti, dall’altra ogni appuntamento è buono per mettersi in mostra e per raggiungere i migliori risultati della stagione pertanto le assenze importanti si possono contare davvero sulle dita di una mano, rendendo ogni gara del più alto livello possibile.

Cascavilla sfida Mattuzzi, Straneo ed Epis
Maria Chiara Cascavilla riparte dalla medaglia di bronzo conquistata nel 2019 e da una crescita che l’ha portata a diventare nazionale azzurra sia su questa distanza che sulla mezza maratona, dov’era stata convocata per gli Europei rimandati da marzo ad ottobre. L’atleta pugliese allenata da Renzo Finelli dovrà vedersela con Isabel Mattuzzi, data in ottime condizioni e campionessa in carica dopo l’affermazione senza rivali di Monselice un anno fa. In pista ci saranno poi le veterane e campionesse Giovanna Epis e Valeria Straneo. Per la Cascavilla l’ultimo diecimila è proprio recente e risale a due settimane fa quando chiuse seconda a Roma alle spalle della Yaremchuk, l’ucraina che a gennaio trionfò anche nella Corrida di San Geminiano

Sfida incerta al maschile
Alla ricerca di sensazioni positive e, magari, di un bel piazzamento è Alessandro Giacobazzi al maschile. L’atleta pavullese nell’ultimo periodo ha deciso di dedicarsi quasi interamente alle distanze più lunghe correndo solamente due volte su strada i dieci chilometri dopo la rassegna tricolore su pista di Monselice dello scorso anno dove chiuse con il tempo di 30’11’’21. La gara si presenta senza un favorito certo, anche perché Lorenzo Dini, campione uscente, non sarà al via a causa di un infortunio che lo ha tenuto fuori dalle scene nel corso di questi mesi. Tra i nomi più importanti e da cui ci si attende un risultato c’è il veterano Stefano La Rosa oppure il portacolori delle Fiamme Oro Pietro Riva.

Andrea Lolli - La Fratellanza

Novità 2021 per Maratona e Mezza. Confermata la Camminata

venerdì 25 settembre 2020

L’emergenza Covid-19 ha toccato anche Maratona e Mezza di Crevalcore (BO), da sempre in programma il 6 gennaio, nel momento di conferma delle gare e di apertura delle iscrizioni.
I protocolli attuali non concedono adeguate garanzie di poterle effettuare con le dovute autorizzazioni e le modalità che da sempre le contraddistinguono.
In accordo con l’Amministrazione Comunale si è deciso quindi di spostare Maratona e Mezza di Crevalcore a domenica 9 maggio 2021.
Rimane invece confermata la ludicomotoria “Family Run & Dog Marathon” per domenica 3 gennaio, ovviamente sempre che, così come per le competitive, i decreti in atto tempo per tempo non ne precludano l’organizzazione.

Claudio Bernagozzi

Domenica 4 ottobre si svolgerà a Reggio Emilia la Cooperatori Urban Trail, camminata non competitiva

giovedì 24 settembre 2020

Si svolgerà domenica 4 ottobre la prima camminata non competitiva in provincia di Reggio Emilia di quest’anno dopo la sospensione di circa sette mesi per l’emergenza sanitaria, la Cooperatori Urban Trail inserita nella settimana dello Sport in Pista.
Luogo di ritrovo, partenza e arrivo della non competitiva reggiana sarà la pista di Avviamento al Ciclismo Giannetto Cimurri di Reggio Emilia in via Marro 2. I percorsi saranno di km 8 e km 12, per la maggior parte nella vasta area verde del Campovolo e l’atleta potrà liberamente scegliere su quale tracciato gareggiare, anche la mattina della camminata dopo il via.
Le partenze avverranno dalle 9 alle 9,30, una ogni 30 secondi e l’organizzazione, in base al numero degli iscritti, determinerà il numero degli atleti per ogni partenza. Gli atleti dovranno portarsi sulla linea di partenza con la mascherina e la dovranno tenere fino al via.
Le attuali norme di emergenza sanitarie che prevedono il distanziamento fisico di almeno due metri fra i vari atleti dovranno essere rispettati sia in zona partenza che nel percorso durante i sorpassi.
Le iscrizioni al costo di euro 4 si fanno sulla piattaforma www. atleticando. net fino alle ore 24 di venerdì 2 ottobre.
Gli organizzatori della Cooperatori Urban Trail sono la Tricolore Sport Marathon in collaborazione con la Cooperatori di Reggio Emilia e le iscrizioni si chiederanno a 180 atleti iscritti.

Nerino Carri

Ottima gara di Gianluca Davoli alla Lupatotissima, all'esordio in una 24 ore

giovedì 24 settembre 2020

A Bussolengo paese del veronese, lo scorso weekend, sabato 19 e domenica 20 è andata in scena la 26^ Lupatotissima che, a causa delle restrizioni dovute all'emergenza sanitaria in Italia, quest’anno ha dovuto modificare la location di svolgimento della manifestazione, da San Giovanni Lupatoto (dove non sono stati dati i permessi per lo svolgimento dell’evento podistico) a Bussolengo.
Il gruppo sportivo Monbocar organizzatore dell’evento podistico è riuscito portare alla partenza circa 150 atleti che hanno corso e camminato per 24 ore lungo il circuito di circa 1.187 metri, misto pista e asfalto.
La gara era valida come Campionati Italiani FIDAL 2020 di 24h Assoluti e Master.
Nella gara open maschile, ha vinto lo spagnolo Nicolas De Las Monteforte dell’Atletica Avilesina con 245.455,29 metri, al secondo posto il bulgaro Deian Petkov del Begach Running Claub con 226,448,77 metri e al terzo il 36enne slovacco Luka Videtic dei Torino Runners con 217.362,43 metri, alla sua prima 24 ore. Tra le femmine, vittoria per la slovena Natasa Robnik del KGT Papez con 218.024,51 metri ( con il nuovo miglior tempo nelle 24 ore, il precedente 215.087 metri nel 2017), che ha preceduto la bulgara Mihaela Ivanova Englaro del Begach Running Club, 185.324,82 metri nelle 24 ore e Sarah Sawyer del Lonely Goath RC con 54.554,12 metri.
Per i Campionati Italiani FIDAL 2020 di 24 ore Assoluti uomini, primo posto per il torinese Stefano Romano dei Torino Road Runners con 200.565,43 metri, Thomas Capponi dei Runners Bergamo con 193.724,11 metri è secondo e Petro De Marchi del gruppo modenese Team Mud & Snow con 192.572,11 metri è terzo. Nella classifica FIDAL Master A uomini vince Stefano Romano, seguito da Thomas Capponi e Petro De Marchi. Nella classifica FIDAL Master B uomini, primo Domenico Marconato dei Bergamo Stars Atletica con 184.417,85 metri, secondo Raffaello Villa della società bolognese polisportiva Monte San Pietro con 177.071,53m e terzo Walter Audisio dell’atletica Giò 22 Rivera con 165.362,83 metri.
Nella classifica FIDAL Assoluti donne, primeggia la 28enne Eleonora Rachele Corradini dei Faisenzadire, terza assoluta, che con 221.177,42 metri stabilisce il suo miglior tempo sulle 24 ore (4^ miglior prestazione italiana), il suo precedente era di 212.355 metri fatto nel 2019. La Corradini, dopo la recente vittoria all’Etna Extreme 100 km del Vulcano il 6 settembre ha fatto quindi un’ottima prestazione. Elena Fabiani dei Woman Triathon Italia con 209.451,72 metri (anche lei migliora il PB del 2017 di 205.270 metri) e l’esordiente Francesca Canepa dell’Atletica Sandro Calvesi) con 203.367,87 metri, campionessa di ultra trail, completano il podio femminile. Nella classifica FIDAL Master A donne, prima Elena Fabiani, seconda Francesca Canepa e terza la palermitana Alisia Calderone dei Media@ con 164.356,36 metri, alla sua prima 24h. Mentre nella classifica FIDAL Master B donne, la 56enne Antonella Feltrin del Nuova Atletica Roncade con 176.163,62 metri vince, Susanna Chierici dei Bergamo Stars Atletica con 140.132,96 metri si classifica seconda e Alessandra Rado del gruppo sportivo Tortellini Voltan Martellago con 122.132,96 metri, terza.
Si è trattato del primo Campionato Italiano FIDAL 2020 di una specialità di ultramaratona su strada e per numerosi atleti, era la prima ultra dopo il lungo lockdown, causato dalle restrizioni per l’emergenza sanitaria.
Per quest’edizione della Lupatotissima molti atleti erano forse meno preparati per una gara impegnativa come una 24h, ma comunque tutti si sono impegnati per onorare un evento podistico che da alcuni anni è oramai una classica nel calendario internazionale delle ultra maratone.
Il percorso piatto in circuito per gli atleti è risultato impegnativo dal punto di vista muscolare per l’alternanza di tratti in pista e asfalto e i tanti cambi di direzione.
Il tempo è stato buono, con sole durante le prime ore di gara con partenza alle dieci, e nel tardo pomeriggio di sabato il cielo si è annuvolato e sì è abbassata la temperatura, permettendo di concludere la Lupatotissima a 122 atleti (91 uomini e 31 donne).
Una cosa da menzionare è l’incendio della centrale elettrica, circa alle 4 di notte, dell’impianto sportivo di Bussolengo che ha messo a rischio lo svolgimento della 24 ore veronese.
Alla Lupatotissima era presente anche il reggiano di Gazzata di San Martino in Rio, Davoli Gianluca, tesserato per la Vini Fantini, all’esordio in una ultramaratona come una 24 ore, ma anche in una 12 ore e una 100 chilometri, infatti aveva fatto al massimo la Pistoia Abetone virtuale di km 50, alla fine di giugno di quest’anno.
Gianluca Davoli che ricordiamo da circa tre anni soffre di una forma di leucemia, ha corso due volte la maratona di Reggio Emilia e quella di Rimini con buoni risultati e anche a Bussolengo si è ottimamente comportato concludendo la gara al 41esimo posto nella classifica generale con km 134,00 e al 35esimo nel campionato italiano.
Il reggiano ci ha detto che è soddisfatto della sua prestazione alla ultramaratona veronese e ha fatto tutta la gara alternando km 10 di corsa con km 5 di passo.

Nerino Carri

Alcuni reggiani fanno il Garda Trentino Trail e la migliore è Isabella Morlini che vince la km 11

martedì 22 settembre 2020

L’edizione 2020 del Garda Trentino Trail è andata in scena sabato 19 settembre rispetto al consueto svolgimento di metà maggio. Il comitato organizzatore già ad aprile, di fronte all’emergenza sanitaria nazionale aveva individuato la data alternativa del 19 settembre e l’allestimento di un simile evento ha portato a nuove soluzioni e variazioni nel tracciato, con lo spostamento di tutte le operazioni di partenza ed arrivo ad Arco e l’aggiustamento dei tracciati delle 4 distanze proposte.
Nel 2020 c’è stato il debutto del Garda Trentino Run, una gara di 11 chilometri con 600 metri di dislivello positivo che si è andata ad aggiungere alle altre tre “classiche”, il Garda Trentino Trail (km 60 e 3700 di D+), Ledro Trail (km 42 e 2400 di D+) e Tenno Trail (km 30 chilometri e 1000 di D+).
Il trentino Christian Modena della La Sportiva ha primeggiato nel Ledro Trail di km 42 con una grande prestazione cronometrica in 3h34’36” che gli ha permesso di imporsi con ampio margine sul modenese Roberto Gheduzzi del CSI Sasso Marconi - Hoka One One, 3h34’36 il suo tempo e sul bresciano Flavio Natali dello Sport&Fitness (4h01’59). Poco più di tre minuti hanno separato sul traguardo la vincitrice piemontese Monica Dalmasso della Podistica Valvermenagna, (4h22’09) e l’altoatesina Edeltraud Thaler del Telekom Team Sudtirol, (4h25’47), seconda classificata e la veronese Veronica Faccincani del gruppo podistico AVIS Polisportiva Malavicina completa il podio, terza in 5h07’42.
Due atleti dell’atletica Reggio hanno corso la km 42, Alessandro Micich, 46esimo in 5h25’40 e Mattia Andredi, 59 esimo in 5h40’58.
Nel Tenno Trail di km 30 vittoria del trentino Enrico Cozzini del gruppo sportivo Fraveggio in 2h13’40, davanti al brianzolo Alessandro Riva del gruppo sportivo Cometa - Hoka One One, all’arrivo in 2h20’20 e al bresciano Giovanni Paris della società sportiva Bagolino - Parisport, che chiude in 2h21’26. La ricercatrice chimico-farmaceutica triestina Nicol Guidolin del CAI CIM si impone nella gara femminile in 2h38’21 sulla vicentina Martina Cumerlato dell’Hoka One One, al traguardo in 2h44’52 e la comasca Marta Binda dell’Atletica Pidaggia 1520 Scott che conclude in 2h52’02.
Il reggiano Andrea Monari del gruppo podistico AVIS Montecchio si classifica nella km 30, 59esimo in 3h24’37 e tre atleti dello Stone Trail Team sono: 39esimo in 3h08’52, Davide Compagnoni; 91esimo in 3h43’16, Matteo Castagnedoli; 98esimo in 3h45’15, Massimiliano Ferretti
Nel Garda Trentino Run di km 11 vince in 51’58 l’azzurro della corsa in montagna Luca Merli dell’Atletica Valchiese - Hoka One One, ventenne bresciano di Bagolino che ha battuto i valtellinesi Christian Lucchini dell’Atletica Alta Valtellina - Hoka One One (56’43) ed Alessandro Crippa del Hoka One One (57’59).
Il comasco Manuel Bonardi dell’Atletica Pidaggia 1520 Scott in 6h21’13 e l’altoatesina di Merano, Julia Kessler in 7h25’10 sono i vincitori della quinta edizione del Garda Trentino Trail di km 60 disputato tra il Garda Trentino e la Valle di Ledro, attorno ai tre laghi di Garda, Ledro e Tenno. A completare il podio maschile ci sono l’altoatesino Jimmy Pellegrini in 6h38’13 e il piemontese Michael Dola del Circuito Running – Team in 6h38’56. Seconda classificata nelle donne in 8h29’46, la comasca Gisella Beretta compagna di squadra del vincitore maschile e terza in 8h32’20 la tedesca Elke Keller del LG Filstal.
Nella km 60 erano presenti due reggiani, con grande prestazione di Loris Zanni di un paese vicino a Ramiseto, dell’Amorotto di Carpineti, che si è classificato al quarto posto in 6h55’51 e ottima gara di Silvano Cattozzi dello Stone Trail di Castelnovo Monti, 72esimo in 9h31’44
Il primo nome dell’albo d’oro femminile lo iscrive la professoressa reggiana dell’Università di Modena e Reggio, Isabella Morlini dell’Atletica Reggio che conclude la sua fatica in terra trentina in 1h07’10. Sara Baroni della unione sportiva Quercia Trentingrana è seconda in 1h13’38 e la veronese Diana Valentina Isoli dei Black Warriors, terza in 1h19’04 salgono insieme alla vincitrice sul podio.
Nonostante le limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria sono stati 800 gli iscritti alla Garda Trentino Trail e l’80% si è presentato alla partenza con 189 classificati nella km 60, 156 nella km 42, 186 nella km 30 e 66 nella km 11.

Nerino Carri

Atletica Castelnovo Monti presente ai campionati regionali cadetti a Modena e il migliore è stato Davide Rondanini

lunedì 21 settembre 2020

Si sono svolti nel week end scorso, sabato 19 e domenica 20 settembre, a Modena i Campionati regionali individuali cadetti e regionali di prove multiple.
Fra gli atleti presenti a Modena anche alcuni cadetti dell’atletica Castelnovo Monti che dopo 8 mesi sono tornati a gareggiare nella gara regionale più importante del 2020.
Per gli atleti dell’atletica Castelnovo Monti sono stati otto mesi difficili, prima si sono allenati da soli a casa durante il lockdown poi l’allenamento è stato fatto nel campo sportivo dell’oratorio del comune della montagna reggiana.
Ad oggi non hanno ancora potuto riprendere gli allenamenti in pista, per lavori al centro CONI, ma nonostante questo, a Modena hanno tutti migliorato le loro prestazioni.
Il migliore è stato Davide Rondanini, campione regionale esathlon cadetti con 3923 punti, risultato che gli consente di partecipare ai campionati italiani a Forlì tra due settimane (il minimo di punti per partecipare agli italiani è di 3800 punti). I risultati di Davide Ronadanini sono stati: 100 ostacoli tempo 14.91 punti 747; Lungo metri 5,82 punti 723; Giavellotto metri 46,28 punti 801; Alto metri 1,65 punti 693; Disco metri 22,64 punti 446; 1000 metri in 3.04.81 punti 513.
Gli altri atleti dell’atletica Castelnovo Monti che hanno partecipato ai campionati regionali cadetti di Modena hanno tutti fatto il personale, come Emma Guidetti nel triplo, quarta con metri 9.92 e Luca
Buffignani, quinto nel lungo con metri 5,22, negli 80 metri ha fatto 10.29.

Nerino Carri

Comunicato atletica Reggio

lunedì 21 settembre 2020

Morlini super a Riva del Garda
Riva del Garda (TN) – Successo di Isabella Morlini nella Garda Trentino Run (11 km, d+600m), con un crono di 1h07’10, e oltre sei minuti di vantaggio sulla seconda classificata.

Amaghzaz e Algeri campioni regionali Cadetti
Al termine della due giorni di Modena (campionati regionali Cadetti), il bilancio di Atletica Reggio è di due primi, due secondi e tre terzi posti.
Titolo ad Aida Amaghzaz nel martello (41,48) e Thomas Algeri nel triplo (11,97).
Medaglia d’argento per Rebecca Bertozzi nel lungo (4,75) e ancora Amaghzaz nel peso (10,33).
Terzo gradino del podio per Viola Cilloni nei 1000 (3’10’’17) e le due staffette 4x100, quella maschile (Simone Giordani-Francesco Stradi-Thomas Algeri-Gabriele Attolini, 48’’96) e quella femminile (Susanna Bagni-Viola Cilloni-Silvia Catalini-Rebecca Bertozzi, 54’’22).

Rinviata al 2021 La Corsa dei Papà
Rinviata all’anno prossimo La Corsa dei Papà, che avrebbe dovuto svolgersi domenica prossima, 27 settembre, in Piazza della Vittoria. Tutto rimandato al week end sabato 20-domenica 21 marzo 2021, quando Atletica Reggio porterà, sempre in Piazza della Vittoria, la partenza de La 21 di Reggio Emilia, la Unimore Run e, a questo punto, anche la Corsa dei Papà.

Alex Bartoli

CINQUEMILA DEL NOVI SAD, Trofeo Modena Corre si corre il primo novembre

domenica 20 settembre 2020

CAMPIONATO REGIONALE UISP DI 5 KM ALL’INTERNO DEL PARCO NOVI SAD DI MODENA

1 novembre, una data importante nel panorama podistico modenese, torna la gara di 5 km più amata dai modenesi: il 5MILA DEL NOVISAD, Trofeo ModenaCorre, quest’anno Campionato Regionale UISP.
In un anno non facile per lo sport, in cui viene stimata una perdita economica del 70%, qualche coraggioso organizzatore prova a far ripartire il movimento sportivo. Le restrizioni anti-covid impongono misure che non tutti si sentono di affrontare, ed i “runners” rispondono ancora tiepidamente a queste prime prove di “ritorno alla normalità”.
Alla manifestazione possono partecipare atleti tesserati per società FIDAL, AICS, CSI, UISP ed altri enti di promozione sportiva e atleti in possesso di Runcard. I premi di categoria saranno riservati agli atleti UISP in quanto saranno assegnati i titoli di campione regionale. Inoltre saranno premiati i primi 3 uomini e le prime 3 donne assolute.

La manifestazione si svolgerà domenica 1 novembre e prevede un percorso, su circuito di 830 mt. interamente nell’anello interno del Parco Novi Sad. Impossibile ipotizzare un numero relativo alla partecipazione degli atleti, anche se gli organizzatori puntano ad averne 150 provenienti da tutta la Regione. La partenza della prima batteria è fissata per le 9.00, ma già dalle 7.00 i “runners” potranno recarsi presso la zona triage, allestita sotto le tribune del Parco Novi Sad, per il ritiro del pettorale. Purtroppo non ci saranno le aree in cui potersi cambiare e lavare in quanto le normative anti-covid non lo permettono. La cronaca della gara sarà nelle preziose ed esperte mani del grande Roberto Brighenti. Costo del pettorale assolutamente popolare: 8 euro per chi si iscrive entro il 30 settembre, 11 euro per chi si iscrive entro le 23.59 del 28 ottobre. Non ci si potrà iscrivere il giorno della gara.
Manifestazione organizzata dal Circolo Polisportiva Campogalliano, in collaborazione con UISP Modena e con il supporto di UISP Emilia Romagna.

Per saperne di più è sufficiente collegarsi al sito www.cinquemiladelnovisad.wordpress.com, www.modenacorre.it o www.atleticando.it

UISP Modena:“UISP Modena è da sempre impegnata nel valorizzare e promuovere lo sport per tutti. Con il Cinquemila del Novi Sad vogliamo dare un taglio più competitivo alle gare del nostro territorio, in questo modo diamo l’opportunità a tutti i runner di mettersi in gioco e misurarsi sia con atleti del loro livello che con quelli più forti.”

Emilio Mori, Organizzatore CINQUEMILA DEL NOVI SAD: “Qualche mese fa sono stato coinvolto da Giuliano Macchitelli che mi ha chiesto di prendere il testimone di questa importante manifestazione ideata e creata da lui e da Maurizio Pivetti. Ne sono stato lusingato ed ho deciso di accettare questa sfida cercando di mettere a disposizione la mia verve creativa per fare in modo che CINQUEMILA DEL NOVI SAD lasci un ricordo positivo ed indimenticabile in chi vi partecipa. Puntiamo sui servizi di qualità, su un bel pacco gara e su una corsa organizzata in modo perfetto.”

Giuliano Macchitelli, Responsabile sito ModenaCorre: “Ritengo che il mondo del podismo abbia bisogno di rinnovarsi ed andare al passo con i tempi. Largo ai giovani perciò. Ho grande fiducia nel nuovo team che si è costituito e sono sicuro faranno bene, nonostante i problemi Covid ; sono convinto che l’obiettivo di 150 partecipanti sarà ampiamente superato, anche se avrei preferito una maggiore apertura anche nei confronti degli atleti non tesserati”.

Christian Mainini, Referente Atletica leggera UISP Emilia Romagna: “Il 2020 è stato un anno infausto per l’atletica. Avremmo dovuto organizzare tre campionati Nazionali e tre campionati regionali. Per fortuna siamo riusciti a recuperare in extremis il Cinquemila del Novi Sad così da riuscire a farne almeno uno. Il 2020 sarebbe stato un anno importante per l’atletica della nostra Regione, sicuri del fatto che i campionati regionali e nazionali avrebbero riavvicinato tanti competitivi alle gare. Senza dimenticare il fatto che ci sarebbero dovute essere altre 800 manifestazioni fra camminate e corse non competitive che si sarebbero dovute svolgere sulle nostre province. Ci rifaremo nel 2021”.

Evento organizzato da
Circolo Polisportiva Campogalliano ASD
UISP Modena

Con il patrocinio di
Comune di Modena

Con il patrocinio di
Uisp Modena
Uisp Emilia Romagna

Media Partner
ModenaCorre.it

Qui il link del video: https://youtu.be/GoLK1XNSg3U
Qui il link del sito: https://cinquemiladelnovisad.wordpress.com/
Qui il link della pagina Facebook: https://www.facebook.com/CINQUEMILADELNOVISAD
Qui il link per iscriversi: https://www.atleticando.net/gara.php?id=40722&ts=18524#

Emilio Mori

Antonio Tallarita conclude il Sicily Ultra Tour in seconda posizione

domenica 20 settembre 2020

Si è concluso venerdì 18 settembre il Sicily Ultra Tour, quattordici tappe, 970 chilometri circa percorsi, 83 comuni attraversati con pioggia, vento, caldo e la bellezza del territorio siciliano, tra natura, arte, attraverso il patrimonio dell’Unesco o le vie della Magna Grecia.
L’edizione zero del Sicily Ultra Tour un ultra maratona davvero speciale, voluta da Antonio Tallarita ingegnere e dirigente d’azienda alla Khokler di Reggio Emilia, atleta con un curriculum di oltre 105 ultramaratone fatte in tutta Europa e reggiano d’adozione ( gelese di origini, da tanti anni vive a Reggio Emilia ed ha sposato una reggiana).
Il Sicily Ultra Tour, si è concluso proprio da dove era partito, il 5 settembre, da Gela davanti le Mura Timoleontee le fortificazioni greche della cittadina nissena.
Taormina, Acireale, Capo d’Orlando, Cefalù, Palermo, Trapani, Sciacca, Agrigento, Modica, Noto, Eraclea Minoa, Palma di Montechiaro, sono solo alcuni dei paesi attraversati, ognuno con la loro bellezza, come possono essere i parchi archeologici, i borghi, le spiagge o i palazzi del barocco.
Due gli atleti hanno corso il Sicily Ultra Tour, oltre all’organizzatore Antonio Tallarita, anche il siciliano Giuseppe Mirenda che ha battuto di alcuni minuti proprio l’ingegnere gelese.
Giuseppe Veletti Il presidente del Green Sport Gela, gruppo che ha supportato l’evento, coordinando la logistica e non solo. Venerdì sera a Gela si è tenuta una festa che ha visto tra i protagonisti anche alcuni amici podisti, che in questi giorni hanno accompagnato seppur per alcuni chilometri Tallarita e Mirenda.
Gli organizzatori sono già al lavoro per la seconda edizione di Sicilia Ultra Tour,che andrà in scena in aprile del 2021 e sarà probabilmente internazionale.
Qui sotto potete trovare i tempi dei due protagonisti del Sicily Ultra Tour, Giuseppe Mirenda e Antonio Tallarita fino al giorno 14 settembre:
1^ tappa km 78 Giuseppe Mirenda 10h01 Antonio Tallarita 10h17
2^ tappa km 74 Giuseppe Mirenda 8h22 Antonio Tallarita 8h42
3^ tappa km 73 Giuseppe Mirenda 10h23 Antonio Tallarita 10h59
4^ tappa km 46 Giuseppe Mirenda 5h45 Antonio Tallarita 7h25
5^ tappa km 67 Giuseppe Mirenda 9h03 Antonio Tallarita 9h12
6^ tappa km 82 Giuseppe Mirenda 10h18 Antonio Tallarita 10h33
7^ tappa km 78 Giuseppe Mirenda 9h01 Antonio Tallarita 9h37
8^ tappa km 78 Giuseppe Mirenda 9h04 Antonio Tallarita 9h32
9^tappa km 48 Giuseppe Mirenda 6h28 Antonio Tallarita 6h47
10^ tappa km 58 Giuseppe Mirenda 8h10 Antonio Tallarita 8h21

Nerino Carri

Quasi esauriti i pettorali disponibili (massimo 200) per correre la Marciacorta Special Edition 2020 dal Buter e Formai a Taneto

domenica 20 settembre 2020

Domenica 27 settembre a Taneto ci sarà la Marciacorta Special Edition 2020 dal Buter e Formai, gara competitiva sui km 10.
Gli organizzatori del gruppo podistico Taneto che nel 2019 hanno organizzato una mezza maratona competitiva quest’anno hanno optato per i metri 10000 su strada.
La Marciacorta Special Edition 2020 dal Buter e Formai verrà fatta a cronometro come impongono le attuali norme in materia di emergenza sanitaria, per evitare gli assembramenti.
Il percorso della km 10 è uguale a quello della non competitiva del 2019 e con partenza e arrivo da via Rosselli su stradine con poco traffico passerà per Gattatico.
Le partenze avverranno dalle 9,15 alle 10,30, una ogni 30 secondi e l’organizzazione, in base al numero degli iscritti, determinerà il numero degli atleti per ogni partenza. Gli atleti dovranno portarsi sulla linea di partenza con la mascherina e la dovranno tenere fino al via.
Le attuali norme di emergenza sanitarie che prevedono il distanziamento fisico di almeno due metri fra i vari atleti dovranno essere rispettati sia in zona partenza che nel percorso durante i sorpassi.
Le iscrizioni al costo di euro 10 si fanno sulla piattaforma www. atleticando. net fino alle ore 20 di venerdì 25 settembre.
Verranno premiati i primi cinque sia maschili che femminili e le iscrizioni si chiuderanno a 200 atleti iscritti.
Gli organizzatori sono il gruppo podistico Taneto in collaborazione con il comune di Gattatico
La Marciacorta Special Edition 2020 dal Buter e Formai sarà solo competitiva.
Al momento in cui scriviamo gli atleti iscritti sono 187 e quindi si va verso i 200, numero massimo di runner che possono correre a Taneto.

Nerino Carri

 
Il sito degli amici podisti modenesi e reggiani - www.modenacorre.it - www.reggiocorre.it -gestione