www.modenacorre.it
www.reggiocorre.it

Notizie, cronache e bacheca


     

Comunicato Atletica Reggio asd: Camminata dei 4 caselli

venerdì 24 marzo 2017

Si terrà domenica 30 aprile, con ritrovo alle ore 16.30 alla chiesa parrocchiale di Villa Aiola (Montecchio Emilia, RE), la “Camminata dei 4 caselli” organizzata da Atletica Reggio. La manifestazione prevede una non competitiva (percorsi di 4 e 9 km), le giovanili su varie distanze e la competitiva “Tieni il giusto ritmo” (9 km), in cui bisognerà dichiarare il proprio tempo di percorrenza e rispettarlo il più possibile, senza potersi avvalere di strumenti di misurazione (cronometri, gps e simili); in pratica non vincerà il più veloce, ma… il più preciso.

Info: meteste@libero.it o stefaniazambello78@gmail.com

Alex Bartoli - Addetto stampa Atletica Reggio asd

Federica Zini: ottima prova all'Ultrabericus

giovedì 23 marzo 2017

Sabato scorso si è disputata nel vicentino la Ultrabericus, una delle più famose e dure gare di trail in Italia I percorsi dell’Ultrabericus erano di km 22 Urban Trail, di km 65 il Twin Lui & Lei gara a staffetta di due atleti dove il cambio veniva dato circa a metà percorso e la km 65 in solitaria con 2500 metri di dislivello positivo.
Il tracciato più lungo era su sentieri di single track, mulattiere e carrarecce e dal centro di Vicenza in Piazza dei Signori dove erano posizionati la partenza e l’arrivo si compiva il periplo dei Colli Berici, passando per i territori di Arcugnano, Perarolo, San Gottardo, Pederiva di Grancona, Pozzolo, Villaga, Barbarano, Mossano, Nanto, Villabalzana, Pianezze, Tormeno. Il trail vicentino era un’occasione non solo di fare sport ma anche di scoprire gli angoli nascosti e i bellissimi panorami che possono offrire i monti Berici.
Nella km 65 i partenti sono stati 1062 e 938 gli arrivati, 120 le coppie impegnate nella gara a staffetta, 370 infine i trailer nel nuovo percorso Urban
L’Ultrabericus sui km 65 è stata vinta in 5h31’55 dal bergamasco Marco Menegardi che ha anche siglato il nuovo record assoluto della gara , cancellando il tempo di 5h32’59 di Lorenzo Trincheri del 2012 (vecchio record). Un atleta della società modenese Team Mud & Snow, Cristian Modena, arriva secondo in 5h34’37 e Nicola Bassi del Team Noene Italia terzo in 5h35’16.
Gli atleti reggiani al traguardo della km 65 sono stati : Giulio Bottone del gruppo podistico Taneto 299esimo in 8h43’53 ; Giovanni Cilloni del ASD Amarotto di Carpineti 599esimo in 9h54’16 ; Enrico Magnani della podistica Correggio 781esimo in 10h55’29 e il compagno di squadra Massimiliano Cantarelli 833esimo in 11h19’50.
Nelle staffette il successo va alla coppia Rigodanza-Costa
Nella Ultrabericus donne vince in 6h37’32 Francesca Pretto della Summano Cobras su Isabella Lucchini seconda in 6h56’06 e Francesca Canepa terza in 7h12’23.
L’unica donna reggiana al traguardo nella durissima km 65 è stata la scandianese residente a Pratissolo Federica Zini, tesserata per l’atletica Scandiano che ha concluso la sua fatica in terra vicentina al 19esimo posto , nell’ottimo tempo di 8h22’41.
A Federica Zini abbiamo chiesto le sue impressioni sull’Ultrabericus e lei ci ha detto :
Per me è stato il mio primo ultra trail, non ero mai andata oltre la distanza della maratona. è stata un'esperienza bellissima. Poi nel caso specifico partenza e arrivo erano in piazza dei Signori a Vicenza e arrivare dopo i "miei primi 67 km" in questa piazza piena di gente e di tifo è stata una grande emozione. Il risultato 19° donna in 8h22' 41"so che non è un gran risultato ma per me è stata una grande esperienza, che credo si ripeterà i primi di maggio a Carpineti all'Amorotto Trail, il tutto in proiezione di quello che è nel mio mirino: "Ultratrail Via degli Dei" il 2 giugno, 125 km da Bologna a Fiesole.. La "via degli dei" è un grande obiettivo, anche perchè l'ho già percorsa "in cammino, zaino in spalla" la scorsa estate ed è un "viaggio" splendido che quest'anno vorrei appunto ripetere come "mia prima 100"!!!





Nerino Carri

gare competitive modenesi

giovedì 23 marzo 2017

Posto in essere che come professa Alessione Guidi l’agonismo in ambito podistico è destinato ad estinguersi e che l’atletica italiana è ormai un ricordo del passato (basti osservare i post su fb di Ingrami con le classifiche delle maratone di 20 anni fa) anche grazie alla scarsa capacità di rinnovarsi dei vertici FIDAL, trovo singolare lo svolgimento delle sporadiche gare modenesi. L’unica competizione del 2017 in terra geminiana (estendendo a tutta la Provincia) è stata la Corrida. Dopo quasi 3 mesi è il momento della seconda gara cioè il giro delle ville di S.Prospero al sabato pomeriggio. Ma subito alla domenica mattina ecco la terza gara, il primo cross di Fiorano (lodevole iniziativa RCM sia chiaro). Ma chi fa i calendari prova a guardare anche l’orticello del vicino? Era così difficile evitare la concomitanza? Tra l’altro si sono già svolti i nazionali di cross (FIDAL e UISP). In passato proposi alla riunione unitaria che la logica vorrebbe i campionati provinciali in autunno (novembre e dicembre), i regionali in gennaio e febbraio e i nazionali in marzo per poi lasciare spazio alle competizioni in pista o su strada. Nulla di fatto, meglio non cambiare.
Cross a parte ci troviamo adesso con un calendario singolare dove avremo il 5000 del Novi Sad ad aprile per passare poi a maggio (in una settimana) dai 21 km muscolari di Sassuolo, al miglio delle stelle di Formigine (1609 mt) per finire poi con i 10 km di S.Damaso (novità)! Nel cercare di creare una tabella di allenamento mi trovo veramente in difficoltà … per fortuna che per me è ormai periodo di triathlon. Alla fine probabilmente aveva ragione Roncarati (chi lo avrebbe mai detto): i desaparecidos dell’atletica si ritroveranno come criceti impazziti nelle riserve recintate della pista liberando le strade (più o meno chiuse al traffico) al circo festaiolo del podismo su strada, senza pretese, senza regole, con l’unico obbiettivo di trascorrere ore in allegria e senza fastidiosi pensieri cronometrici. Una Corrimodena lunga 365 giorni, semplice da organizzare senza certificati, premi, omologazioni…

Giacomo Carpenito

Reggio alla Maratona e mezza di Ferrara

mercoledì 22 marzo 2017

Domenica scorsa si è disputata a Ferrara la 7^ Ferrara Marathon e 25^ Half Marathon, organizzata benissimo dall’ASD Corriferrara , con i complimenti e ringraziamenti da un numero enorme di partecipanti
Nella maratona ferrarese c’è stato prima di tutto il record d’iscritti nella Maratonina circa 1700 ,con 1519 classificati, che migliora i 1414 del 2016, altro record della giornata quello della maratona femminile con la ragazza croata Bojana Bjeljac che ha chiuso con un crono di 2.41’12” ,suo best time personale e migliora anche di otto minuti e 31 secondi il 2.49’43 , record della corsa estense ottenuto da Claudia Gelsomino nel 2014. Secondo posto in 3h00’22 per Maria Rosa Erario della podistica Leini e terzo in 3h10’24 per Natascia Pizza del G. S. Buttarelli suo record personale
Negli uomini vince il vicentino Michael Casolini del G. S. Gabbi Bologna in 2h30’24 sul genovese Michele Bruzzone del Cambiaso Risso Running Team che chiude in 2h31’03 e il piemontese Massimo Galliani dell’atletica Roata Chiusani terzo in 2h31’05.
Alla maratona hanno partecipato anche alcuni reggiani o di squadre di Reggio come il modenese di Campogalliano Emilio Mori in gara a Ferrara con la casacca della podistica Correggio che ha concluso la sua fatica al 15esimo posto nell’ottimo tempo di 2h50’52 , anche se inferiore al 2h46’24 ottenuto alla maratona di Carpi di ottobre 2016. Un altro atleta residente a Campogalliano ma che corre con l’atletica Reggio, Franco Menghini è arrivato 45esimo in 3h10’28.
Altri reggiani al traguardo nella maratona sono : Giacomo Mencarelli dell’atletica Reggio 159esimo in 3h34’11; Francesco Baiocchi dell’atletica Gualtieri 277esimo in 3h52’53 ; Andrea Gualtieri della podistica Rubierese 304esimo in 3h55’36 ; Mario Bisi della UISP Reggio Emilia 507esimo in 4h46’27 ; Amedeo Sargolini dell’atletica Scandiano 523esimo in 4h47’35 e Wiliam Moscardini della UISP Reggio Emilia 528esimo in 4h50’44. In totale i classificati nella maratona sono stati 596.
Nella km 21,097 vittoria in 1h03’23 per Kipregetich Julius Rono dell’atletica Recanati e buon piazzamento dell’arcetano Daniel Gallinari dell’atletica Impresa Po che si classifica 20esimo in 1h17’20. Nelle donne trionfo in 1h18’30 di Neja Krsinar dell’AK BC e la correggese Roberta Riccò dell’atletica Reggio arriva 47esima in 1h41’10 e nona nella categoria SF 40

Nerino Carri

Cross Spezzano - 2^prova del CORRIGIOVANI UISP E.R. 2017

martedì 21 marzo 2017

Buona Giornata a tutti! Eccoci qua pronti per iniziare questa Edizione 2017 del Campionato Provinciale di Corsa Campestre (quest'anno TROFEO RIACEF) riservato alle Società ed ai suoi Atleti della Provincia di Modena.

Naturalmente le sei prove del campionato sono aperte anche a società ed atleti fuori provincia che però concorreranno solo per la classifica della singola gara ma non per il Campionato (e nella prima prova di Spezzano anche per il CORRIGIOVANI UISP E.R. 2017).

Come specificato nel regolamento, da quest'anno le iscrizioni si faranno esclusivamente tramite il sito www.modenacorre.it pertanto, visto che l'esperienza è nuova per tutti, vi chiedo cortesemente di provvedere in anticipo ad inserire le vostre iscrizioni e di non ridurvi all'ultimo perchè qualora si verificasse qualche problema ci sia il tempo materiale per poter rimediare.
(ATT.NE alla scadenza delle iscrizioni la maschera verrà oscurata fino allo svolgimento della gara per cui non più utilizzabile)

Le regole principali sono rimaste sempre quelle:
L'iscrizione dell'atleta la si fa una sola volta poi, acquisito il pettorale, si è automaticamente iscritti a tutte le rimanenti prove del campionato senza più bisogno di doversi iscrivere. pertanto le iscrizioni online tramite il sito WWW.MODENACORRE.IT LE SI FANNO SOLO PER I NUOVI ISCRITTI.
Il pettorale è personale e va utilizzato (SEMPRE QUELLO) per tutte e 6 le prove.
Alcune note relative all'iscrizione online sul sito modenacorre:

per inserire la data di scadenza del certificato usare il calendario preimpostato;
se una società non ha 10 nomi da inserire nella maschera, che si presenta al momento dell'iscrizione, in tutte le caselle dei cognomi che rimangono vuote inserire NO.
Per avere ulteriori informazioni relative all'inserimento si può scrivere a: modenacorre@gmail.com.
A disposizione

Cordiali saluti

Maurizio Pivetti

Ferrara Marathon 2017

lunedì 20 marzo 2017

Ieri è stata proprio una giornata sPPPettacolare a Ferrara, perché con 3 P??? Perché ho vissuto contemporaneamente questa edizione della Ferrara Marathon nelle vesti di Presidente, di Pacemaker e (ovviamente) di Podista.
Come Presidente di società non posso che essere orgoglioso della mia squadra che, numeri a parte (88 iscritti tra mezza e maratona premiata come prima società più numerosa), ha dimostrato per l’ennesima volta il senso di appartenenza al gruppo, la voglia di divertirsi e di condividere le singole emozioni insieme a tutti gli altri. Un’altra cosa che mi ha riempito di gioia è stata quella di vedere più di 50 persone che avevano finito la mezza maratona da un pezzo (alcuni a dire il vero da poco ah ah ah) aspettare tutti i nostri maratoneti fino all’ultimo, con tifo da stadio e arrivo trionfale alla tenda seduti sul cariolino spinto a mano a mò di “carro dei vincitori”, poi terzo tempo con spritz e patatine per tutti (20 litri!!!) e per finire in 44 al ristorante a conclusione di una bellissima mattinata di sport e aggregazione. Ed e proprio questo lo spirito che ci contraddistingue e che spero rimanga inalterato per sempre.
Come Pacemaker innanzitutto ho fatto bene il mio compitino, 2.06.29 di real time partendo dal fondo del gruppo come richiesto e viaggiando ai 6 min/km costanti e precisi. Ovviamente però oltre a “dettare i tempi” del passo ho cercato di coinvolgere, di intrattenere, di scherzare e di spronare, in poche parole di fare tutto il possibile per rendere più piacevoli e meno pesanti i 21 km. Come al solito molti sono “cioccati”, molti si sono attaccati con i denti fino alla fine e molti li abbiamo “tirati su” nei km finali. Mi ha fatto molto piacere ricevere i complimenti a fine gara ed è proprio per questo che mi piace mettere a disposizione di tutti la mia piccola/grande esperienza podistica.
Come Podista non posso che fare i complimenti al Presidentissimo della Corriferrara Massimo Corà che insieme a tutto il suo gruppo e a tutti i volontari ci ha permesso di passare una bellissima giornata di sport. Bellissima come al solito la partenza da Piazza Castello con musica a palla, sbandieratori, tamburi e tantissima gente a farci il tifo. Ottimi i ristori ben riforniti fino al passaggio degli ultimi, strade chiuse o parzialmente chiuse al traffico, tantissimi volontari e vigili a presidiare incroci e rotonde, ultimi km “in strada” e non come l’anno scorso sotto alle mura della città (sicuramente km più veloci ma meno belli) ed arrivo di nuovo in Piazza Castello tra due ali di folla e quella sensazione che ti fa sentire protagonista di un bellissimo evento sportivo.
E’ questo il podismo che piace a me.

Alessio Guidi

San Lazzaro di Savena (BO) " Muoviti, Corri e Cammina al San Camillo"

domenica 19 marzo 2017

Domenica di marzo nebbiosa e leggermente coperta, la temperatura è gradevole anzi fin troppo alta per il periodo. Oggi il Comitato Podistico Bolognese ha dovuto organizzare un camminata di riserva consentitemi il termine in quanto la Camminata del Quartiere Pilastro non ha potuto svolgersi per il recupero di una bomba, quindi per forza annullata. Devo onestamente dire senza nulla togliere alla Camminata del Pilastro che è stata una scelta azzeccatissima gran bei posti quelli di stamattina per correre o camminare!!! Il ritrovo è stato fissato all'interno del complesso ospedaliero denominato Ospedale San Camillo: si tratta di un'antica Villa Nobile del XVII secolo trasformata in Ospedale nel 1933 per ospitare per lo più persone anziane con lunghe degenze, ora è la sede di numerosi ambulatori della Azienda USL di Bologna. Molto spazio a disposizione all'interno del cortile, ci troviamo in una piccola frazione del Comune di San Lazzaro di Savena (BO): Le Mura di San Carlo a ridosso delle prime colline all'interno del bellissimo Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e dei Calanchi della Badessa, quindi si può benissimo immaginare lo scenario ambientale in cui si è immersi, tanto verde alberi e torrenti (Idice e Zena) con scorci dai colori fantastici, ormai siamo in piena fioritura vista questa primavera in anticipo. Usciti dal cancello svolta a destra in Via del Seminario, poi Via Galletta camminando a bordo strada su erba per evitare le auto, intorno campagna e terreno coltivato. Superiamo la prima deviazione del percorso corto da km 4, prendiamo Via Solarolo, Via Fondè e Via Montebello che diventa sterrata. Superiamo la confluenza dei Torrenti Zena ed Idice, adesso percorriamo per circa 5 km questa comoda strada sterrata completamente immersi nel Parco Regionale bei panorami a perdita d'occhio bellissime case rrali sapientemente ristrutturate per non parlare dei colori, queste piccole valli sono un vero gioiello, se pensi che sei a poca distanza da Bologna ha dell'incredibile. Arriviamo al ristoro intermedio, vorrei far notare la presenza in servizio di tutti i componenti del Consiglio del Comitato Podistico Bolognese aiutati da personale messo a disposizione dai vari Gruppi Podistici. Attraversiamo l'Idice su di una passerella molto diciamo "elastica" tipo ponte tibetano. La visione del torrente è da cartolina con piccole cascate nonostante la scarsità d'acqua, adesso ci muoviamo sulla sponda opposta dell'Idice percorrendo un comodo sentiero nella sua prima parte poi diventa più sconnesso nella vicinanze del corso d'acqua. Incontriamo molti ciclisti in mountain bike, persone con il cane da portare in giro. Dopo circa 3 km sbuchiamo nelle adiacenze del Circolo Cà de Mandorli, lasciamo il parco per purtroppo a fiancheggiare prima Via Fondè e poi Via Palazzetti molto trafficate visto l'orario: è la parte più complicata del percorso, per fortuna viaggiamo su di una comoda pista ciclo-pedonale che arriva fino alla località La Cicogna. Non si può non notare il notevole movimento di persone davanti alla famosa pasticceria Le Dolcezze, arriviamo alla rotatoria su Via del Farneto per poi andare in direzione di Le Mura di San Carlo, siamo all'ultimo chilometro lasciata la strada asfaltata un comodo percorso pedonale ci porta all'Arrivo all'interno dell'Ospedale San Camillo, dove il Ristoro finale è in piena azione, come premio un cappellino con la scritta Datti Una Mossa. Che dire, per concludere: gran bella camminata, nuova almeno per chi scrive gestita in maniera ineccepibile, ottimi i cartelli direzionali molti scritti a mano libera ma ben visibili, personale efficiente sul percorso, Grazie Mille a tutti quelli che hanno permesso tutto ciò, spero che il prossimo anno si possa di nuovo ripetere con una seconda edizione questa volta ufficiale non di riserva.


Renzo Barbieri

Corri Italia a Pieve di Guastalla (RE)

domenica 19 marzo 2017

L’edizione reggiana della Corri Italia, manifestazione a livello nazionale dell’ Associazione Italiana Cultura e Sport che si svolge in altre 50 città italiane, si è svolta sabato pomeriggio a Pieve di Guastalla organizzata dal gruppo sportivo Tagliata in collaborazione con l’AICS provinciale.
I percorsi della Corri Italia reggiana Memorial Giacomo Guastalla si svolgevano sui km 4 e km 9 nei dintorni della frazione guastallese, passando vicino all’ospedale di Guastalla e il lungo lambiva la tangenziale del comune della bassa reggiana,
Nel percorso lungo si è disputata anche una gara competitiva che è stata vinta dal cadelboschese Devis Incerti , portacolori dell’atletica Reggio che ha preceduto il mantovano Massimiliano Ferriani della Libertas Mantova, il suzzarese Davide Doronzio dell’Avis Suzzara, il correggese Alberto Azzali della podistica Correggio e il guastallese Bruno Benatti dell’atletica Gualtieri.
Nelle donne gara di alto livello tecnico con la correggese d’adozione ma originaria di Trapani Rosa Alfieri , oggi con i colori della podistica Correggio che riesce a vincere la Corri Italia reggiana, battendo la novellarese Rita Bartoli dell’atletica Impresa Po, seconda domenica scorsa a Castellarano nei campionati italiani UISP di corsa campestre. Terzo posto per la master reggiolese Antonella Benatti dell’atletica Impresa Po che precede la ferrarese Emanuela Sitta della polisportiva Quadrilatero e Federica Pedrelli compagna di squadra della vincitrice.
Sui km 4 si è disputata una competitiva per ragazzi e ragazze fino a 12 anni , dove nei maschi Devis Orlandelli dell’atletica Impresa Po è riuscito a spuntarla su Damiano e Matteo Benassi della famiglia Benassi. Nelle ragazze vittoria di Luna Salardini dell’atletica Gualtieri su Veronica Benassi della famiglia Benassi e Giulia Colasuonno della podistica Cavriago.
Buona la partecipazione alla camminata di Pieve di Guastalla con circa 420 persone al via e vittoria nei gruppi per l’Avis Novellara con 58 iscritti sull’Avis Sorbolo 54, l’Avis Suzzara 47, il Jolly CTL Bagnolo 33, la podistica Luzzarese 31, la podistica Correggio 23, il Road Runners Poviglio 29, l’atletica Gualtieri 18, G. P. Gennari Schivenoglia 16 , la famiglia Benassi e la podistica Faba 15


Nerino Carri

Trebbo di Reno (BO) "8^ Camminata della Raviola"

domenica 19 marzo 2017

Pomeriggio leggermente coperto ma molto caldo per il periodo. Si corre a Trebbo di Reno (BO) una frazione del Comune di Castelmaggiore (BO) teatro di diverse camminate podistiche nell'arco dell'anno. Questa camminata inserita nel contesto della Sagra della Raviola nel corso degli anni ha riscosso sempre maggior successo, è raro vedere tanta partecipazione di sabato pomeriggio nelle corse organizzate dal Comitato Bolognese, forse perché è una delle prime dopo l'inverno, c'è voglia di muoversi di uscire all'aria aperta. Onestamente devo dire che il contesto in cui si svolge è veramente carino, poi fin dalla prima edizione si è preso l'abitudine di consegnare solo il premio di partecipazione senza nessun riconoscimento ai Gruppi Podistici per poi donare l'incasso a qualche iniziativa benefica: quest'anno la raccolta fondi è per le popolazioni colpite dal Sisma che ha scosso l'Italia Centrale, più precisamente andranno al Comune di Amatrice Grandi!!! Il ritrovo è nella piazza davanti alle scuole dove è allestita la Festa dedicata alla Sagra della Raviole Bolognese : un arco gonfiabile rosso segnala la Partenza e l'Arrivo, i primi chilometri si snodano all'interno di questa piccola frazione attraversando piccole zone verdi, sfruttando alcuni tratti di pista ciclo-pedonale per poi puntare sui sentieri sterrati ricavati nel sotto-argine del fiume Reno che da sempre ha costituito una enorme risorsa economica per questo piccolo borgo tramite i suoi depositi di sabbia e ghiaia. Esistono alcuni guadi che portano sull'altra sponda all'altezza del Lippo e di Longara. Il percorso tende a restringersi per cui è una specie di slalom gigante per evitare i podisti più lenti ma nessun problema anzi è bello vedere tante persone in circolazione, famiglie intere con tanto di cani al guinzaglio. Arriviamo nel piazzale dell'antichissima Chiesa Parrocchiale dedicata a San Giovanni del Trebbo: il percorso da km 7 svolta a destra mentre l'alternativo da km 5 va all' Arrivo. Adesso entriamo in un rimessaggio per roulottes, per poi attraversare uno spiazzo che viene utilizzato in estate per feste campestri. Torniamo a salire prima sull'argine di Reno per poi entrare proprio dentro l'alveo del fiume, ci troviamo in un pezzo di tracciato che è un tentativo di costruire una sorta di percorso ciclo-pedonale permanente utilizzando le aree demaniali. Sicuramente è una lodevole iniziativa che spero abbia continuità a seguire. Siamo di nuovo davanti alla Chiesa, manca poco all'Arrivo infatti in distanza si intravede l'Arco gonfiabile. Si chiude anche questa carinissima camminata: poche auto e molti podisti per fortuna, come premio un ottimo sacchettino con quattro squisite raviole ripiene di mostarda bolognese. A proposito la locale Proloco ne venderà tantissime ormai sono Tradizione!!!

Renzo Barbieri

Camminata di Santa Croce e Maratonina dell'Aereoporto

domenica 19 marzo 2017

L’area vicino all’aereoporto di Reggio Emilia o come è meglio conosciuta dalla maggior parte dei reggiani il Campo Volo è stato teatro domenica mattina della Camminata di Santa Croce e della Maratonina dell’Aereoporto organizzata dall’atletica Reggio capitanata da Pietro Margini.
I percorsi della Camminata di Santa Croce erano di km 5, km 11 e km 14 tutti non competitivi e uno di km 21,097 competitivo denominato Maratonina dell’Aereoporto. Tutto i tracciati partivano dalla Pista Gianetto Cimurri e mentre il corto di km 5 si snodava all’interno del Parco Berlinguer i percorsi più lunghi passavano per Villa Curta, Gavassa e lambivano i paesi di Masone e San Maurizio
Nella mezza maratona uomini vittoria in 1h11’31 del marocchino d’origine ma traversetolese d’adozione Karim Abderrahim che veste la casacca del TRC Traversetolo Running Club del patron Sergio Gozzi, secondo nell’edizione 2015 e vincitore della km 21 della Valli e Pinete di domenica scorsa a Ravenna. Il marchigiano Marco Eboli del gruppo sportivo Gabbi Bologna si classifica al secondo posto in 1h11’51 e precede il 50enne frassinorese ,ex praticante di sci da fondo, da solo tre anni alle corse, Emanuele Piacentini del 3,30 Running Team Modena che ha chiuso in 1h12’30. Il forte atleta sassolese Luca De Francesco del MDS Panaria Group arriva al quarto posto in 1h12’47 ed è seguito dal modenese Antonio Santi della Fratellanza 1874 quinto in 1h14’15. Il bagnolese di nascita ma residente ad Albinea Lorenzo Villa del MDS Panaria Group Sassuolo è sesto in 1h15’41, il maratoneta casalgrandese Davide Scarabelli dell’atletica Scandiano settimo in 1h19’19, il cadelboschese vincitore della Corri Italia di sabato a Pieve di Guastalla Devis Incerti della società organizzatrice ottavo in 1h19’23, il giovane reggiano Fabio Beneventi della podistica Biasola nono in 1h20’04 e il mirandolese Matteo Dallolio dei Pico Runners decimo in 1h20’18.
Nella maratonina donne ennesimo trionfo stagionale per la professoressa reggiana dell’Università di Modena Reggio, tre volte campionessa mondiale di corsa su ciaspole, Isabella Morlini portacolori dell’atletica Reggio che ha fermato il cronometro sul tempo di 1h21’34. La presenza di un atleta di valore come la frassinorese Manuela Marcolini dello Sportinsieme Castellarano non ha certo impensierito la vincitrice che le ha inflitto un distacco di circa 3 minuti, 1h24’36 il tempo della seconda arrivata. La correggese Simona Rossi della podistica Correggio conquista il gradino più basso del podio in 1h30’51 ed è seguita dall’inglese residente a Reggio Bethany Thompson dell’atletica Reggio quarta in 1h32’17, dalla modenese Ilaria Cigarini del 3,30 Running Team quinta in 1h32’42, dalla novellarese Natalia Pagu del Jogging team Paterlini sesta in 1h32’48, dalla giovanissima Francesca Venturelli della podistica Formiginese settima in 1h33’58, dalla master milanese Antonietta Lorena Di Vito del CUS Pro Patria Milano, ottava in 1h34’20, dalla ultra maratoneta di Salvaterra Elisabetta Albertini dell’atletica Castello nona in 1h35’13 e da Manuela Rebuzzi della società che ha organizzato la gara decima in 1h37’07.
Circa 1400 sono stati i partecipanti alla Camminata di Santa Croce di cui 260 nella maratonina , un numero leggermente inferiore all’edizione del 2015 dove c'erano stati sui 1550 persone
La classifica dei gruppi è stata vinta dalla podistica Biasola con 110 iscritti sull’Avis Novellara 92, la podistica Correggio 65, il Jolly CTL Bagnolo 56, il Road Runners Poviglio 50, la podistica Faba 42, la podistica Bismantova 40, l’atletica Scandiano e la podistica Cavriago 39, il Jogging Team Paterlini Novellara e la palestra Eden Sport di Villa Cella 37

Nerino Carri

Il sito degli amici podisti modenesi e reggiani - www.modenacorre.it - www.reggiocorre.it - area utenti